Padova, la “Balotella” del nuoto sincronizzato che non può gareggiare: “E’ straniera”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 Giugno 2013 12:28 | Ultimo aggiornamento: 26 Giugno 2013 13:11
Nuoto sincronizzato a Londra 2012

Nuoto sincronizzato (LaPresse)

PADOVA – La “Balotella” del nuoto. Nata in Italia da genitori nordafricani, per la legge è considerata ancora una straniera e la Federazione di Nuoto le ha imposto lo stop alle gare.

La grande delusione sportiva è toccata ad una ragazzina, di 10 anni, di Camposampiero, che alla soglia del debutto agonistico nel team di nuoto sincronizzato è costretta dalla burocrazia a rimanere seduta sui blocchi. La giovane, come spiega “il Mattino”, gareggia per la locale società “Il gabbiano”.

A nulla sono valsi sino a questo momento i tentativi di trovare una breccia nella normativa da parte del padre, integrato da 12 anni, né dello stesso sindaco Mirko Patron: “È una strada lunga, come Comune non possiamo intervenire”.

Nonostante la buona volontà della società che aggrega ad ogni trasferta la giovane schierandola come riserva, senza però farla scendere in acqua, il padre sembrerebbe intenzionato a chiudere definitivamente la non ancora sviluppata carriera sportiva della piccola.