Padova. Marito tradito punta la pistola sui genitali del rivale, un ballerino senegalese

di Alessio Liverziani*
Pubblicato il 26 Novembre 2010 15:54 | Ultimo aggiornamento: 26 Novembre 2010 15:54

«Non avvicinarti più a mia moglie». E gli punta una pistola sui genitali. È la brutta avventura di un ballerino senegalese di 31 anni, residente in periferia di Padova. L’intimidazione arriva da un marito, anche lui trentunenne, accecato dalla gelosia per aver scoperto il tradimento delle moglie.

Tutto era iniziato nell’ottobre scorso. La donna, 44 anni di Pianiga, va a ballare con le amiche in un locale notturno di Padova. Lì incontra il ballerino africano. Qualche settimana più tardi i due amanti si incontrano in un albergo di Bologna per trascorrere la notte insieme.

E a questo punto entra in gioco il marito geloso. Insospettito, l’uomo riesce a scoprire il numero di telefono del ballerino e lo contatta fingendosi un impresario di ballo. Vuole incontrarlo per offrirgli un lavoro nel mondo dello spettacolo. Fissano un appuntamento nella zona industriale di Padova e, una volta in macchina, il marito tradito tira fuori l’arma e si vendica minacciandolo con la pistola. «Non ho fatto nulla», nega l’africano. «Lascia in pace mia moglie», incalza l’altro.

Il ballerino, scampato il pericolo, ha denunciato tutto alla polizia. Gli agenti che hanno perquisito l’abitazione dell’uomo non hanno trovato l’arma ma lo hanno comunque denunciato per minacce. La moglie, in lacrime, ha ammesso il tradimento: «L’ho fatto solo perché mio marito non mi dà più attenzioni». [gmap]

5 x 1000

*Scuola di Giornalismo Luiss