Padova, parrucchiera africana fa pagare di più i clienti bianchi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Maggio 2015 21:00 | Ultimo aggiornamento: 28 Maggio 2015 18:55
Padova, parrucchiera africana fa pagare di più i clienti bianchi

Padova, parrucchiera africana fa pagare di più i clienti bianchi

PADOVA – Un prezzario etnico dal parrucchiere, con costi maggiorati per i clienti “white” e scontati per i “black”: la parrucchiera Gloria di Padova aveva infatti un listino con prezzi diversi per bianchi e per neri. Un taglio da uomo? Da listino: 10 euro “white”, 6 euro “black”.

Il fatto ha scatenato la protesta degli amministratori comunali della Lega Nord. “Questo è razzismo” ha tuonato l’assessore Fabrizio Boron, in un video postato sulla pagina Fb del sindaco Massimo Bitonci. “Padova, no apartheid” gli ha fatto eco il presidente dell’assemblea comunale, Roberto Marcato

La parrucchiera non faceva del resto mistero della differenza nei costi praticati a seconda dell’etnia dei clienti. Il suo prezzario diviso in ‘white’ e black’ è stato trovato in bella mostra dagli agenti della polizia municipale di Padova che hanno effettuato il sopralluogo. Il prezzario è stato sequestrato, anche se al momento non risulta siano stati presi provvedimenti nei confronti della parrucchiera.

Gloria, la protagonista, intervistata da una giornalista del Mattino di Padova, si è detta sorpresa ed ha così spiegato il prezzo differenziato: “Non è razzismo, faccio pagare di meno i neri perché come clienti hanno meno pretese e con loro finisco prima il lavoro”.