Padova, rom non mandano il figlio a scuola: multati per 20 euro

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 dicembre 2017 13:45 | Ultimo aggiornamento: 20 dicembre 2017 13:45
campo-rom

Padova, rom non mandano il figlio a scuola: multati per 20 euro

PADOVA – Niente scuola per il figlio dei rom che abitano nel campo nomadi di Piove di Sacco, in provincia di Padova. Una mancanza che è costato ai genitori e al figlio, che sono tutti agli arresti domiciliari per varie accuse tra furto, rapina ed estorsioni, una sanzione di 20 euro a testa.

Cesare Arcolini sul quotidiano Il Gazzettino scrive che madre, padre e figlio abitano nel campo nomadi e sono tutti e tre agli arresti domiciliari per un lungo elenco di reati. Tra questi, anche quello di non mandare i figli a scuola, e così il giudice di pace ha inflitto la sanzione:

“L’elenco dei reati è lungo, si va dai furti alle rapine passando per estorsioni e lesioni. Abitano in una sorta di campo nomadi del Piovese, un gruppo di case circondato da roulotte. La scuola? Sì, ma quella della strada. Non quella fatta di banchi, lavagne, libri e compiti. Ma non mandare i figli a studiare è un reato. Evidentemente, però, il meno grave in assoluto di quelli compiuti in tutti questi anni dai genitori. Dopo la denuncia a piede libero, ora la giustizia ha presentato il suo conto: 20 euro a testa. Già, è questa l’ammenda inflitta dal giudice di pace ai genitori”.