Paese, incendio in casa: donne carbonizzate, bloccate da grate alle finestre

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 Giugno 2020 13:39 | Ultimo aggiornamento: 10 Giugno 2020 13:39
Incendio Paese, due donne morte carbonizzate in casa

Incendio Paese, due donne morte carbonizzate in casa (Foto archivio ANSA)

TREVISO – Due donne sono morte carbonizzate nell’incendio divampato nella casa di Paese, in provincia di Treviso, nella notte tra 9 e 10 giugno.

Una delle donne carbonizzata nel rogo è Franca Fava, 58 anni, la moglie del titolare della ditta situata a fianco alla casa andata a fuoco.

Dopo ore di ricerche, i vigili del fuoco hanno trovato anche il cadavere di un’altra donna nell’incendio a Paese.

La vittima è Fiorella Sandre, un’amica di famiglia di 74 anni che da tempo coabitava al piano terra della casa incendiata.

Secondo una prima ricostruzione, il rogo è divampato all’esterno della porta di ingresso da un cumulo di materiale accatastato da Sergio Miglioranza, 69 anni e titolare della ditta.

Le fiamme hanno impedito alle donne di mettersi in salvo attraverso la porta di uscita dell’appartamento.

Le finestre sul lato opposto della casa erano dotate di grate metalliche di protezione, che hanno intrappolato le vittime nell’inferno di fuoco.

Inoltre, una delle due donne aveva problemi di deambulazione.

Il marito della vittima è ricoverato all’ospedale di Treviso in stato confusionale.

L’uomo, che vive al piano superiore a quello andato a fuoco, sarebbe scampato alle fiamme grazie a una scaletta esterna secondaria.

La scala principale, invece, era ostruita dal materiale di recupero.

Fra i rottami accatastati c’erano anche bombole di gas, per uso domestico e da campeggio, oltre che di acetilene per operazioni industriali.

Alcuni fra questi recipienti sono esplosi durante le operazioni di spegnimento.

Sul posto si sono recati anche i carabinieri, il pubblico ministero di turno della Procura della Repubblica di Treviso e personale della Polizia giudiziaria dei Vigili del fuoco. (Fonte: ANSA)