Paese (Treviso), Elena Rossetto ennesima vittima di tumore. La denuncia: “Qui si muore più che altrove”

di redazione Blitz
Pubblicato il 16 gennaio 2018 11:42 | Ultimo aggiornamento: 16 gennaio 2018 11:42
paese-treviso-tumore

Elena Rossetto (Foto da Facebook)

PAESE (TREVISO) – Aveva compiuto 40 anni il primo gennaio Elena Rossetto. Due mesi fa si era sposata. Ma da due anni il tumore non le dava tregua. E alla fine l’ha avuta vinta. Elena, architetto del Dba Group di Treviso, è morta domenica 14 gennaio all’ospedale Ca’ Foncello.

Il suo calvario, racconta Il Gazzettino, era iniziato il 23 dicembre 2015. Quel giorno una tac aveva messo in luce la presenza di una massa tumorale nel fegato. Subito Elena era stata operata d’urgenza. ma il male non era scomparso.

Il caso di Elena fa discutere perché si tratta dell’ennessima vittima di tumore nella zona, ed in particolare nel Comune di Paese (Treviso). Scrive Mauro Favaro sul Gazzettino: 

Negli ultimi tempi la malattia ha spezzato la vita di diversi giovani di Paese. E i residenti si interrogano su possibili relazioni con il territorio in cui vivono. Ieri i social network sono stati inondati di commenti preoccupati. «A Paese si sta compiendo una strage. Qui si muore di tumore di più che in altri luoghi, scrive Marialuisa nel gruppo Sei di Paese se…, dobbiamo approfondire il perché. Cosa c’è nel nostro territorio martoriato dal punto di vista ambientale? Le montagne di rifiuti di ogni genere che per tanti anni sono state sotterrate in alcune cave, diventate discariche, stanno dando i loro frutti?».

A livello ufficiale, però, non c’è nulla che sostenga questa tesi. Anzi: dieci anni fa, quando già si notavano strani dati, intervennero le stesse autorità politiche locali e sanitarie per cercare di tranquillizzare la popolazione, sostenendo che i dati di morti per tumore a Paese sono come nel resto d’Italia. Eppure ad oggi i dubbi sono ancora molti.