Palermo: a 19 anni si uccide in Ateneo. Come Norman Zarcone

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Novembre 2015 18:45 | Ultimo aggiornamento: 21 Novembre 2015 9:02
Palermo: a 19 anni si suicida in Ateneo. Come Norman Zarcone

Palermo: a 19 anni si suicida in Ateneo. Come Norman Zarcone (foto Ansa)

PALERMO – Un ragazzo di 19 anni si è ucciso lanciandosi dall’Università di Palermo: i carabinieri stanno indagando sulla morte di un giovane avvenuta alla facoltà di Lettere dell’ateneo del capoluogo siciliano. Il giovane per cause da accertare è caduto da un terrazzo in una zona inaccessibile della struttura. Sono intervenuti i vigili del fuoco per recuperare il corpo.

La morte di questo ragazzo rimanda alla memoria la storia di Norman Zarcone, il giovane dottorando di 27 anni, che si tolse la vita il 13 settembre del 2010, lanciandosi da un terrazzo al settimo piano della Facoltà di Lettere a Palermo e morendo sul colpo.

“Un suicidio che non è solo frutto della depressione ma è un omicidio di Stato”, dissero i suoi genitori a caldo. Norman aveva lasciato un quaderno dove aveva annotato una sorta di ‘testamento spirituale’. Scriveva “la libertà di pensare e anche la libertà di morire. Mi attende una nuova scoperta anche se non potrò commentarla”.

La vicenda provocò una scia di polemiche e di prese di posizioni. Su forte volontà di Claudio Zarcone, dipendente regionale in pensione, padre del dottorando fu anche creata una fondazione e a Norman ed intestata una rotonda che collega le borgate di Corso dei Mille e Brancaccio.

“Norman è morto – ripete il padre in ogni manifestazione in ricordo del figlio – per fare ascoltare una voce, la sua, pur attraverso la soluzione più dolorosa e tragica. Oggi Norman è, dunque, il simbolo di un’intera generazione di studenti e precari, che non a caso e’ stata definita ‘Generazione Norman’ o, diversamente,’Generazione no future’, mortificata, defraudata dei propri sogni e della possibilità di guardare al futuro”.