Palermo: ragazza si innamora della professoressa e la perseguita

Pubblicato il 4 Novembre 2011 18:28 | Ultimo aggiornamento: 4 Novembre 2011 18:29

PALERMO – Per cinque anni, sostenendo di essersene innamorata, ha perseguitato la sua professoressa universitaria pedinandola, chiamandola al telefono e minacciandola tanto da indurla a modificare spostamenti e abitudini: oggi per un'ex studentessa palermitana, una giovane di 28 anni, accusata di stalking, il gip Piergiorgio Morosini ha disposto il divieto di comunicare con la vittima e di avvicinarsi ai luoghi da lei frequentati.

L'inchiesta sulle molestie, coordinata dal pm Fabiola Furnari, ha preso il via da un esposto della docente che solo dopo anni si è rivolta alla polizia. Per diverso tempo, infatti, la professoressa, anche su insistenza del padre della ragazza, che più volte ha pregato la donna e il marito di non sporgere denuncia, si e' limitata a rimproverare la studentessa e a chiederle di non infastidirla piu'.

Per anni la giovane, anche davanti a testimoni, ha importunato la donna, l'ha inondata di sms a sfondo sessuale, l'ha seguita e le ha fatto centinaia di telefonate. Una notte ha atteso per ore sulle scale che la docente e il marito rientrassero attirando l'attenzione dei vicini. Un comportamento ossessivo – la ragazza è arrivata a scattare foto alla professoressa in aula e a minacciarla, schiaffeggiarla e insultarla davanti a un gruppo di tesiste – che ha creato, scrive il gip, ''un perdurante e grave stato di ansia e di paura'' nella donna.