Palermo, studentesse derubano e accoltellano un ambulante (e poi lo accusano della rapina)

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 settembre 2018 16:42 | Ultimo aggiornamento: 6 settembre 2018 16:42
palermo studentesse

Palermo, studentesse picchiano e derubano un ambulante (e poi lo accusano della rapina)

PALERMO – Due studentesse, di 22 e 24 anni, sono state arrestate dalla polizia a Palermo per aver aggredito e derubato un venditore ambulante bengalese di alcune casse acustiche e delle cuffie. Le due ragazze sono accusate, in concorso, di rapina aggravata, lesioni aggravate, porto ingiustificato di coltello e calunnia.

Gli agenti del capoluogo siciliano hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip. La rapina compiuta dalle due studentesse risale ad alcuni mesi fa: secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, le due ragazze avrebbero rapinato il venditore sottraendogli, dietro minaccia, della merce e, quando poco dopo l’uomo avrebbe tentato di raggiungerle, le due si sarebbero accanite contro di lui aggredendolo con calci, pugni e spintoni e anche sferrandogli una coltellata al fianco.

Il giorno dopo le due, per depistare le indagini, avrebbero detto agli agenti di essere state loro stesse vittime di una rapina da parte del bengalese, ma subito sarebbero state smentite dalle immagini di alcune telecamere di sorveglianza che hanno immortalato la scena e mostrato, quindi, che erano state loro a ferire il venditore ambulante.

Inoltre, durante una perquisizione a casa delle studentesse, gli agenti hanno trovato e sequestrato il coltello usato per l’aggressione e anche il bottino. Le due studentesse avevano in casa anche alcuni coltelli a serramanico e un pugnale lungo 40 centimetri per cui sono state denunciate per detenzione illegale di armi.