Palermo/ Tredicenne stuprata dall’ex fidanzato (18 anni) e da un suo amico (17 anni)

Pubblicato il 29 maggio 2009 13:20 | Ultimo aggiornamento: 29 maggio 2009 13:36

Attirata in trappola dal fidanzatino col quale aveva appena interrotto la relazione, una tredicenne è stata stuprata da lui e da un suo amico a Palermo. Entrambi sono stati arrestati dai poliziotti della Procura del Tribunale per i minorenni di Palermo, in collaborazione con i carabinieri. Gli indagati, accusati di violenza sessuale di gruppo, sono un diciassettenne, per il quale il Gip del Tribunale per i minorenni, Valeria Spatafora, ha disposto il collocamento in comunità, e un diciottenne, posto ai domiciliari dal Gip del Tribunale di Palermo, Piergiorgio Morosini.

I fatti risalgono alla sera del 30 marzo 2008 quando la tredicenne venne invitata dall’ex fidanzato e da un suo amico in un rudere nei dintorni di un piccolo centro della provincia. A telefonarle era stato il diciassettenne, amico dell’ex fidanzato, che si era proposto come mediatore per una riconciliazione. I tre si ritrovarono nel casolare diroccato e qui si è consumata la violenza. La ragazzina era poi riuscita a liberarsi e raggiungere a piedi il paese per rifugiarsi presso le abitazioni di alcuni coetanei. Con loro si recò poi a casa dell’ex fidanzato che spalleggiato dal padre negò di averla seviziata.

La tredicenne, spaventata, aveva allora deciso di non dire più niente a nessuno dello stupro, ma nel piccolo centro la voce correva tra le gente e in questo modo la madre era venuta a conoscenza dell’accaduto, sporgendo in seguito denuncia.