Palermo, l’Università fa la guerra ai fuoricorso: “Finite in tempo o vi cancelliamo gli esami”

Pubblicato il 10 Febbraio 2011 13:39 | Ultimo aggiornamento: 10 Febbraio 2011 13:39

PALERMO – L’Università di Palermo lancia la guerra contro i fuoricorso. Nell’ateneo siciliano uno studente su cinque non completa il percorso di studi nel tempo previsto. Così l’amministrazione universitaria ha deciso di mettere dei paletti: o si finisce entro un tempo prestabilito oppure si perdono tutti gli esami.

Una delibera del Senato accademico, quindi, stabilisce ora che chi è iscritto ai vecchi corsi quinquennali dovrà laurearsi entro il marzo del 2014 e quelli delle lauree triennali dovranno farlo entro il quarto anno fuori corso. Una politica che, sperano dall’Università, incentiverà gli studenti a studiare di più e a ridurre i numeri dei fuori corso. Numeri che fanno quasi paura: a Palermo su circa 62 mila iscritti in tutto l’Ateneo, i fuori corso sono ben 35 mila. Soprattutto fanno paura se si pensa che meno laureati un’Università riesce a “sfornare”, meno fondi riesce a prendere dal ministero.