Pamela Mastropietro, nelle ore in cui veniva uccisa i cellulari dei nigeriani muti. Erano in casa di Innocent

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 febbraio 2018 10:14 | Ultimo aggiornamento: 12 febbraio 2018 10:14
Pamela Mastropietro cellulari nigeriani

Pamela Mastropietro, la 18enne uccisa a Macerata

ROMA – Grazie all’analisi delle celle telefoniche, gli inquirenti hanno scoperto che il 30 gennaio, quando Pamela Mastropietro è stata uccisa, sia Innocent Oseghale che gli altri due nigeriani, sono entrati nella casa in via Spalato a Macerata, e tra le 12 e le 19 i cellulari di tutti e tre gli indagati sono rimasti muti, non hanno fatto né ricevuto telefonate. L’ ipotesi è che proprio in quel lasso di tempo sia stato commesso il delitto.

Intanto, nel soggiorno della casa di Innocent, dove è stata uccisa e fatta a pezzi la 18enne, è stata trovata la traccia di un piede. I carabinieri hanno quindi preso le impronte di Awelima Lucky e faranno lo stesso con Lucky Desmond.

Nonostante il caso sia chiuso, “le indagini proseguono”,  spiega il procuratore Giovanni Giorgio, 24 ore dopo aver disposto i fermi per i due nigeriani. Oggi lunedì 12 febbraio i carabinieri del Ris faranno un nuovo sopralluogo in via Spalato a Macerata. E la Procura depositerà la richiesta di convalida del fermo nei confronti di Awelima e Desmond: entro 48 ore il gip dovrà fissare l’udienza.

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other