Pamela Mastropietro, ex fidanzato condannato per spaccio e tentata induzione alla prostituzione

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 Ottobre 2020 8:45 | Ultimo aggiornamento: 21 Ottobre 2020 8:45
Pamela Mastropietro, ex fidanzato condannato per spaccio e tentata induzione alla prostituzione (nei confronti della ragazza)

Pamela Mastropietro, ex fidanzato condannato per spaccio e tentata induzione alla prostituzione (Foto d’archivio Ansa)

Condanna per l’ex fidanzato di Pamela Mastropietro. L’accusa per lui è di spaccio e tentata induzione alla prostituzione.

E’ stato condannato a 3 anni di reclusione e a 5 di interdizione dai pubblici uffici l’ex fidanzato di Pamela Mastropietro. Ne dà notizia l’AdnKronos. Il romeno A. N., oggi 24enne, è accusato di spaccio di sostanze stupefacenti nei confronti della ragazza e tentata induzione alla prostituzione. Pamela è la ragazza di Roma uccisa e smembrata a Macerata nel 2018.

Le accuse nei confronti dell’ex fidanzato di Pamela Mastropietro

Il pusher allora 21enne, ex fidanzato di Pamela all’epoca dei fatti, nel 2017 a Roma avrebbe iniziato al consumo di eroina la vittima. Pamela allora era minorenne. Non solo, l’avrebbe indotta a “vendersi” allo spacciatore di colore in cambio della droga.

Silvia Mancinelli dell’AdnKronos ricorda che a presentare denuncia fu la mamma, Alessandra Verni. Dopo aver trovato il cellulare della figlia con dei messaggi nei quali l’allora fidanzato faceva riferimento allo spaccio di eroina. E poi oggetti che sparivano da casa e che, presumibilmente, servivano a pagare lo stupefacente.

Infine la testimonianza di un’altra persona che ha confermato i sospetti: a lei Pamela aveva confidato di aver conosciuto questo ragazzo e di esser stata iniziata da lui all’uso di eroina, costretta almeno in una occasione a prostituirsi con lo spacciatore di colore ma lei si era rifiutata.

L’ergastolo confermato a Innocent Oseghale

La corte d’assise d’appello di Ancona ha confermato l’ergastolo per Innocent Oseghale, accusato dell’omicidio di Pamela Mastropietro. I giudici hanno confermato la condanna di primo grado, compreso l’isolamento diurno di 18 mesi per il pusher di 32 anni.  

L’omicidio di Macerata

Pamela Mastropietro, diciottenne romana, venne uccisa a Macerata il 30 gennaio 2018. Venne fatta a pezzi e i suoi resti vennero messi in un trolley. Oseghale è accusato di omicidio volontario aggravato della violenza sessuale, vilipendio, distruzione e occultamento di cadavere. (Fonti: Adnkronos e Ansa)