Pamela Mastropietro, Matteo Salvini: “E’ una morte di Stato. La sinistra ha le mani sporche di sangue”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 febbraio 2018 14:01 | Ultimo aggiornamento: 1 febbraio 2018 14:01
Pamela Mastropietro (foto Ansa)

Pamela Mastropietro (foto Ansa)

ROMA – “Immigrato nigeriano, permesso di soggiorno scaduto, spacciatore di droga. E’ questa la ‘risorsa’ fermata per l’omicidio di una povera ragazza di 18 anni, tagliata a pezzi e abbandonata per strada. Cosa ci faceva ancora in Italia questo verme? Non scappava dalla guerra, la guerra ce l’ha portata in Italia. La sinistra ha le mani sporche di sangue. Altra morte di Stato”. Questo il durissimo post di Matteo Salvini sull’omicidio di Pamela Mastropietro.

Continua Salvini: “Espulsioni, espulsioni, controlli e ancora espulsioni! La Boldrini mi accuserà di razzismo? La razzista, con gli italiani, è lei”.

Pamela Mastropietro è la 18enne romana allontanatasi lunedì pomeriggio dalla comunità di recupero di Corridonia (Macerata) e poi ritrovata ieri mattina cadavere. Il suo cadavere, sezionato in due tronconi è stato ritrovato in due trolley abbandonati in un fossato che costeggia una strada di campagna a Pollenza, sempre in provincia di Macerata. Al momento per l’omicidio della diciottenne romana è stato fermato Innocent Oseghale, 29enne nigeriano, già noto alle forze dell’ordine. Nella sua casa gli agenti hanno anche ritrovato gli abiti sporchi di sangue della diciottenne. E c’è anche la testimonianza di un connazionale che nella serata di martedì lo ha visto con i due trolley nei pressi del luogo del ritrovamento.

Nell’abitazione di Innocent Oseghale, in Via Spalato 124 a Macerata, i carabinieri hanno ritrovato i vestiti sporchi di sangue di Pamela. E proprio nei pressi della sua abitazione si perdevano le tracce della ragazza, ripresa in un video dalla telecamera di una farmacia poco distante mentre cammina seguita a breve distanza dal nigeriano. In farmacia la ragazza avrebbe comprato una siringa e poi, questa è la tesi degli investigatori, avrebbe seguito il ragazzo nigeriano nel suo appartamento. Cosa sia successo nell’appartamento ancora è al vaglio degli investigatori. Una delle ipotesi è che Pamela sia morta per una overdose e che il ragazzo nigeriano a quel punto per disfarsi di quel corpo ingombrante l’avrebbe barbaramente fatta a pezzi.