Pamela Mastropietro, un omicidio di branco: per i pm prima la violenza poi lo smembramento del cadavere

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 febbraio 2018 10:32 | Ultimo aggiornamento: 12 febbraio 2018 10:33
Omicidio di branco quello di Pamela Mastropietro

Pamela Mastropietro, un omicidio di branco: per i pm prima la violenza poi lo smembramento del cadavere

ROMA – Pamela Mastropietro ha subito prima un assalto sessuale di gruppo, poi è stata uccisa e infine il suo cadavere smembrato per meglio occultarlo: manca il sigillo della chiusura delle indagini da parte della procura di Macerata, ma i pm avrebbero raccolto le prove che di un omicidio di branco si sia trattato. In carcere sono finiti tre nigeriani, tutti gli indizi e le evidenze investigative portano a loro.

Il procuratore Giovanni Giorgio, che sabato 10 febbraio aveva parlato di “indagine chiusa”, la domenica ha messo nero su bianco che le indagini “non possono ritenersi affatto concluse” e sottolinea che l’ufficio non intende “seguire o acconsentire di fatto a procedure di giustizia sommaria più che mai in una vicenda così delicata” come quella della ragazza massacrata, seguita da una scia di polemiche e anche dal raid xenofobo di Luica Traini.

In carcere sono finiti tre nigeriani: il 29enne Innocent Oseghale, arrestato poco dopo il ritrovamento del corpo, e da ieri sono in stato di fermo Desmond Lucky, 22 anni, e Lucky Awelima, di 27. Pesantissime le accuse: omicidio volontario in concorso, vilipendio, distruzione, soppressione e occultamento di cadavere e spaccio di stupefacenti. Lo stesso procuratore in una nota parla di risultati delle indagini “ancora provvisori”, anche se la procura ritiene di avere un quadro chiaro di quanto è successo nell’appartamento di via Spalato 124, a Macerata, ritenuto il luogo del delitto.

E cioè come e in che circostanze è morta Pamela. Su questo aspetto il riserbo è totale, però l’ipotesi è che la ragazza sia stata vittima di un’aggressione sessuale di gruppo e poi uccisa e sezionata. Ma per confermare questo quadro, servono gli esiti degli accertamenti scientifici, medico-legali, tecnici. La Procura attende risposte dal Ris che ha effettuato o sta effettuando esami di laboratorio, relativi in particolare alle impronte rilevate e ai prelievi biologici acquisiti nell’appartamento. Dati che vanno comparati con i profili dattiloscopici e biologici di tutti e tre gli indagati, “per capire chi ha fatto che cosa”, spiegano fonti investigative.

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other