Pamela Mastropietro, lo zio avvocato: “Intercettazioni? La prima interprete è scappata”

di redazione Blitz
Pubblicato il 2 maggio 2018 16:07 | Ultimo aggiornamento: 2 maggio 2018 16:07
Pamela Mastropietro, lo zio avvocato: "Intercettazioni? Cercano di scaricare tutta la colpa su Oseghale"

Pamela Mastropietro, lo zio avvocato: “Intercettazioni? Cercano di scaricare tutta la colpa su Oseghale”

ROMA – Le intercettazioni tra Awelima Lucky e Desmond Lucky, due dei nigeriani arrestati per l’omicidio e lo smembramento di Pamela Mastropietro, potrebbero essere un tentativo di depistaggio, per “scaricare tutte le colpe su uno”, e cioè Innocent Oseghale.

Ne è convinto l’avvocato Marco Valerio Verni, zio di Pamela e legale rappresentante della famiglia. Intervenendo ai microfoni del programma “Legge o Giustizia” su Radio Cusano Campus, l’avvocato Verni ha commentato le intercettazioni pubblicate sui media tra i due nigeriani.

I due avrebbero parlato di come Oseghale avrebbe potuto disfarsi del cadavere: “E’ una cosa di poco conto, un gioco da bambini”, avrebbe detto Desmond ad Awelima.

App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui

Ladyblitz – Apps on Google Play

“Per onore di verità devo dire che non sono a conoscenza di queste intercettazioni ma ho letto quello riportato dalle varie cronache – ha esordito Verni – purtroppo capita sovente in questo processo che l’avvocato della famiglia apprenda notizie prima dalla stampa che da fonti ufficiali. Infatti abbiamo già denunciato una fuga di notizie che rischia di compromettere le indagini”.

“Queste due persone – osserva lo zio di Pamela – hanno già dimostrato di non essere di primo pelo, se non altro per il contenuto delle loro stesse dichiarazioni; non è quindi, improbabile pensare che potessero pensare di essere intercettati e quindi di aver detto queste cose per riversare la responsabilità sul principale indiziato. E’ chiaro, nessuno vuole incolpare qualcuno e rispettiamo sempre il principio di presunzione di non colpevolezza e la fase processuale cui ci troviamo però si denota comunque un quadro raccapricciante, di una delinquenza e di una criminalità molto efferata, che peraltro ci siamo importati da noi”.

Verni racconta che una interprete dei nigeriani ha lasciato l’incarico per paura:

“Questa efferatezza si collega anche a quanto dichiarato dal procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Macerata, Giovanni Giorgio, nella sua ultima conferenza riguardo la circostanza della scomparsa della prima interprete che ebbe a tradurre gli atti processuali, e dell’impossibilità a trovarne altri perché impauriti dalle intimidazioni che potrebbero subire loro personalmente o tramite le loro famiglie. Tutto questo porta a connotare un sistema intimidatorio”.

L’avvocato della famiglia di Pamela chiede quindi uno sforzo alle autorità:

“Mi domando l’ambasciata nigeriana che contributo abbia dato, perché giustamente ebbe subito a prendere le distanze e a condannare i fatti all’indomani di quanto compiuto da Luca Traini. La domanda che mi pongo è se ora l’ambasciata nigeriana stia mettendo a disposizione i suoi collaboratori per interpretare e tradurre gli atti processuali. Sarei curioso di sapere queste cose, in un clima di intimidazione e omertà che sembra aver coperto anche la comunità nigeriana di Macerata. Tra l’altro sarebbe curioso capire che fine abbia fatto la questione del pozzo degli orrori, ossia della fossa comune a Porto Recanati, all’indomani di quanto accaduto a Pamela. I due fatti sono collegabili, Pamela era destinata a far parte della fossa comune visto che, come sappiamo, tutti i suoi resti furono messi in due trolley e lasciati in un punto della strada dove potevano erano facilmente recuperati da qualcun altro? O esiste qualche altra fossa comune? Perché a questo punto ci si può aspettare di tutto visto il quadro raccapricciante”.

Sabato, a Roma, si celebreranno i funerali di Pamela:

“Finalmente dopo 3 mesi dal tragico epilogo, la famiglia avrà la possibilità di seppellirla, e di conseguenza un luogo dove piangerla e dove portarle un fiore e piangerla. Abbiamo scelto il 5 di maggio perché è il giorno della Madonna alla quale Pamela era molto devota. Non scorderò mai l’immagine della fotografia dell’autopsia di Pamela, in cui aveva il rosario legato al polso. Il funerale si svolgerà alla Parrocchia di Ogni Santi vicino Piazza Re di Roma alle ore 11. La funzione religiosa avrà inizio alle 11. Mentre dalle 9 e 30 alle 10 e 30 chiunque potrà porgerle un saluto nella camera ardente della parrocchia.”

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other