Pane della camorra cotto in forni abusivi: 49 denunce tra Giugliano e Afragola

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 Novembre 2013 13:43 | Ultimo aggiornamento: 18 Novembre 2013 13:43
Pane della camorra cotto in forni abusivi: 49 denunce tra Giugliano e Afragola

Pane della camorra cotto in forni abusivi: 49 denunce tra Giugliano e Afragola (Foto Ansa)

NAPOLI – Nove forni abusivi sequestrati, 49 persone denunciate e 33 quintali di pane sequestrate. Questo il bilancio dell’operazione di domenica 17 novembre nella lotta delle autorità ai forni abusivi della camorra della provincia di Napoli. Forni che usano legno verniciato e tossico per cuocere il pane e che lo rivendono in strada non rispettando le norme igienico sanitarie.

I sequestri sono stati eseguiti nei comuni di Giugliano, Qualiano, Calvizzano, Afragola, Casavatore, Cicciano, San Giuseppe Vesuviano, Acerra. A Pozzuoli per un forno è stata sospesa l’attività di panificazione per mancanza delle condizioni igienico-sanitarie e delle autorizzazioni amministrative alla vendita. A Torre Annunziata e a Castellammare di Stabia sono stati chiusi 2 panifici per carenze igienico-sanitarie dei laboratori.

A Napoli, nella zona del ‘Cavone’, in un panificio sono stati sequestrati 20 chilogrammi di impasto per pane in cattivo stato di conservazione (scongelato e ricongelato più volte). Analoga operazione era stata già effettuata dai militari il 20 ottobre scorso. In quella circostanza i carabinieri sequestrarono 17 forni poiché abusivi o in pessime condizioni igienico-sanitarie, 3.200 chilogrammi di pane, e denunciarono in stato di libertà cinquanta persone.

Marco Minicucci, colonnello dei carabinieri, ha dichiarato: “L’azione che stiamo mettendo in atto già da qualche tempo rappresenta una precisa scelta strategica per colpire la panificazione abusiva e per controllare anche quella ‘regolare’ ma è necessario che i cittadini collaborino non alimentando, con l’acquisto del prodotto ‘cattivo’, un circuito illegale e pericoloso per la salute”.

I carabinieri hanno poi sottolineato l’importanza per i consumatori di non alimentare il mercato illegale, spiega Minicucci: “I cittadini devono sapere che il pane che abbiamo sequestrato viene spesso realizzato utilizzando legno proveniente da lavori edili, ricavato da mobili, verniciato, insomma con materiale che può provocare danni alla salute”.

A gestire questo mercato del pane abusivo è la camorra, spiega il colonnello dei carabinieri: “Come tanti fenomeni anche in questo settore è presente anche la camorra, ma non sempre è così; in tanti casi si registra semplicemente il business illegale di chi tenta di farla franca violando leggi, norme fiscali e sanitarie e tentando un guadagno facile. Oggi (17 novembre, ndr) abbiamo ampliato il raggio d’azione rispetto alla volta precedente cercando di intercettare gli abusivi ma anche controllando i ‘regolari’ che violano le leggi; abbiamo controllato anche i supermercati ed i ristoranti che in taluni casi si fanno portare il pane con mezzi di fortuna, sporchi e senza il rispetto degli standard di sicurezza e igiene”.