Cronaca Italia

Papa Francesco, preghiera di Natale per i bimbi sotto le bombe e nei barconi

Papa: Sia Natale dei bimbi sotto le bombe e sui barconi

Papa: Sia Natale dei bimbi sotto le bombe e sui barconi

CITTA’ DEL VATICANO – Sono i bambini meno fortunati, quelli emarginati e figli della guerra, i protagonisti della messa di Natale di Papa Francesco. “Lasciamoci interpellare anche dai bambini che, oggi, non sono adagiati in una culla e accarezzati dall’affetto di una madre e di un padre, ma giacciono nelle squallide mangiatoie di dignità – ha detto il pontefice –  nel rifugio sotterraneo per scampare ai bombardamenti, sul marciapiede di una grande città, sul fondo di un barcone sovraccarico di migranti. Lasciamoci interpellare dai bambini che non vengono lasciati nascere, da quelli che piangono perché nessuno sazia la loro fame, da quelli che non tengono in mano giocattoli, ma armi”.

Ad ispirare la preghiera del Pontefice sono sicuramente i bimbi di Aleppo, che in migliaia ancora rischiano la morte nonostante la recentissima liberazione della città, perché denutriti e mancanti di cure da troppo tempo. E i bimbi migranti, quando venerdì si è registrato l’ennesimo naufragio nel Mediterraneo, che solo nel 2016 era già diventato la tomba di almeno cinquemila persone. I marciapiedi evocano poi la povertà dei tanti bambini in tutto il mondo, e papa Bergoglio non ha dimenticato i bambini-soldato.

Se il Natale, ha spiegato il Papa, è farsi interpellare da Gesù bambino nella mangiatoia, lasciamoci interpellare da tutti questi altri bambini. Così eviteremo quella “indifferenza” di cui fu vittima Gesù da parte dei suoi contemporanei, visto che “anche oggi ci può essere la stessa indifferenza, quando Natale diventa una festa dove i protagonisti siamo noi, anziché Lui; quando le luci del commercio gettano nell’ombra la luce di Dio; quando ci affanniamo per i regali e restiamo insensibili a chi è emarginato”. E qui ha aggiunto parlando a braccio: “Questa mondanità ci ha preso in ostaggio il Natale”.

Papa Francesco ha celebrato a partire dalle 21,30 il rito suggestivo che prevede la lettura della Kalenda, cioè dell’annuncio della nascita del Salvatore. Come sempre i papi, anche Francesco ha cominciato il rito nell’atrio della basilica di San Pietro, per poi entrare in processione con gli altri celebranti, all’interno della basilica, in quel momento immersa nel buio: soltanto dopo l’annuncio della nascita di Cristo, suonano le campane e si accendono le luci.

Il “segno” del Natale, ha ricordato tra l’altro papa Francesco, è il bambino nella mangiatoia, e “questo è il segno di sempre per trovare Gesù, non solo allora, ma anche oggi, se vogliamo festeggiare il vero Natale, contempliamo questo segno: la semplicità fragile di un piccolo neonato, la mitezza del suo essere adagiato, il tenero affetto delle fasce che lo avvolgono. Lì sta Dio”.

To Top