Parabiago, 15enne travolto dal treno. La sfida era: “Raccogli l’accendino sui binari…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 novembre 2018 12:47 | Ultimo aggiornamento: 22 novembre 2018 12:47
Parabiago, investito dal treno per una sfida di coraggio: "Raccogli l’accendino sui binari..." (foto Ansa)

Parabiago, investito dal treno per una sfida di coraggio: “Raccogli l’accendino sui binari…” (foto Ansa)

MILANO – “Mio fratello era in compagnia di un ragazzo di 13 anni e di altri due amici, che si erano staccati dalla comitiva più grande. A un tratto il più piccolo si è fermato, ha tirato fuori un accendino e lo ha gettato sul binario 3. Poi ha sfidato mio fratello, vediamo se hai il coraggio di raccoglierlo…”. Queste le parole di Anas El Essaidi, 19 anni, il fratello maggiore di Abderrahman, il quindicenne travolto e ucciso martedì pomeriggio dal treno Milano-Domodossola. Travolto e ucciso, secondo il racconto del fratello, per una “prova di coraggio”. 

Anas non era in stazione quando il fratello è stato travolto e ucciso dal treno ma dice di aver saputo di questa “prova di coraggio” dagli amici. 

Abderrahman, nato a Legnano, frequentava il primo anno dell’Istituto professionale Antonio Bernocchi. Per tutti era “Abdul”.

Abdul, sfidato, è sceso sul binario per prendere l’accendino. Ma non si è accorto del treno in arrivo: 

“Davanti a lui, a un tratto, si è accorto del treno che sopraggiungeva – racconta Anas – Mentre controllava il convoglio che aveva davanti, ma che avanzava su un altro binario, mio fratello non ha visto l’altro mezzo, più vicino, che però giungeva alle sue spalle. Così è avvenuta la tragedia…”.