Parcheggiatori abusivi perfino davanti al Comando dei Vigili di Roma

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 dicembre 2017 12:33 | Ultimo aggiornamento: 28 dicembre 2017 12:45
parcheggiatori-abusivi-vigili-roma

Parcheggiatori abusivi, i Vigili di Roma: “1.100 sanzioni nel 2017. Ma tornano sempre”

ROMA – Parcheggiatori abusivi anche davanti al Comando dei Vigili di Roma. Con i veglioni della notte di Capodanno a Roma si preparano soprattutto loro alla grande abbuffata: i parcheggiatori abusivi che, tecnicamente, chiedono il “pizzo” nelle piazze del centro storico e non solo, senza che nessuno possa farci niente.

Perfino, come testimonia l’articolo di Rinaldo Frignani sul Corriere della Sera, nella piazza in cui ha la sede il Comando dei Vigili Urbani della capitale.

Nemmeno la pioggia battente caduta ieri per tutta la giornata li ha fermati: in piazza della Consolazione c’erano già da metà mattinata, e hanno proseguito anche nel pomeriggio. Prima un paio di ragazzotti palestrati con un ombrello rotto che chiedevano soldi per parcheggiare fra le strisce blu dietro il Comando generale dei vigili urbani, poi il solito boss della piazza, quello immortalato qualche giorno fa con il berretto di Babbo Natale, che vive sulla rampa di un garage nei pressi di Monte Caprino. (Rinaldo Frignani, Corriere della Sera)

I Vigili di Roma conoscono benissimo il problema e la sorta di impunità che protegge i parcheggiatori abusivi: nel 2017 ne sono stati identificati e sanzionati 1100 volte, ma loro ritornano imperterriti. Denunce e Daspo urbani di 48 ore non sembrano funzionare come deterrenti. Dal Comando dei Vigili giunge a questo proposito una soluzione e una esortazione.

“I romani devono capire che in caso di richiesta di soldi da parte di questi soggetti devono sporgere denuncia altrimenti non serve a niente. Inoltre anche dal punto di vista investigativo noi dobbiamo sorprendere in flagrante gli abusivi per poter procedere al sequestro dei soldi guadagnati e al loro fermo. Ma in questo caso servono appostamenti prolungati e pattuglie in borghese. Più spesso riusciamo A trattenerli per qualche ora presso il Comando generale per fargli perdere la giornata, ma poi il giorno successivo sono di nuovo lì”.