Parma, Aurelio Sokoli muore a 17 anni cadendo da un tetto: forse per un gioco

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 giugno 2015 11:53 | Ultimo aggiornamento: 3 giugno 2015 11:55
Parma, Aurelio Sokoli muore a 17 anni cadendo da un tetto: forse per un gioco

Parma, Aurelio Sokoli muore a 17 anni cadendo da un tetto: forse per un gioco

PARMA – E’ morto cadendo per 10 metri dopo essere salito sul tetto di un capannone. Aurelio Sokoli è morto pochi giorni prima di diventare maggiorenne, martedì sera, precipitando da un capannone in disuso in un’area industriale dismessa alle porte di Parma.

Il giovane era con 2 amici nell’area ex Cerve del quartiere S.Leonardo quando, dopo essersi arrampicato sulla trave di un capannone, è precipitato, per il cedimento del tetto, per 10 metri. Indagano i carabinieri, ma sembra chiaro si sia trattato di una tragico gioco fra amici, forse un esercizio di “parkour” andato male. I due amici che erano con lui hanno immediatamente dato l’allarme e sul posto sono giunti i mezzi del 118 ed i Vigili del Fuoco ma ogni tentativo di rianimare il ragazzo è risultato inutile.

Aurelio Sokoli studiava per diventare geometra, la sua professoressa Sabrina Michelotti lo ricorda sulla Gazzetta di Parma: “Gli era appena stata data la cittadinanza italiana – dice al quotidiano – Mi aveva mostrato il certificato elettorale sfoderando un sorriso pieno di orgoglio. Era un ragazzo sorridente e positivo”. I suoi amici hanno scelto invece la pagina Facebook del ragazzo scomparso per l’ultimo saluto. “Chi l’avrebbe mai pensato che una roccia come te si sarebbe potuta abbattere”, scrive un suo compagno, “sei stato un amico fantastico”.

5 x 1000