Parma, non vuole matrimonio combinato: indiana denuncia genitori

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 dicembre 2018 6:32 | Ultimo aggiornamento: 24 dicembre 2018 19:51
Parma, non vuole il matrimonio combinato: indiana denuncia genitori

Parma, non vuole matrimonio combinato: indiana denuncia genitori (foto Ansa)

PARMA – Ha atteso di diventare maggiorenne e si è rivolta ai Carabinieri del suo paese a cui ha raccontato una vita di soprusi e violenze. Una richiesta di aiuto per evitare l’ultima terribile angheria, quella del matrimonio combinato: sposare l’uomo scelto dai suoi genitori. È la storia di una ragazza residente nella provincia di Parma di origini indiane che ha deciso di cercare la libertà dalla famiglia.

Un destino, il suo, che ha avuto il coraggio di ribaltare rispetto alla decisione della famiglia che voleva costringerla a sposare un connazionale. I genitori sono ora stati denunciati e raggiunti dal divieto di avvicinamento alla figlia, mentre la ragazza è stato trasferita in una località protetta. Padre e madre della ragazza, residente da quando è piccola in Italia, erano arrivati a minacciarla per farla sottostare ai loro voleri. “O lo sposi o ti ammazziamo”, era la frase che spesso le ripetevano. Questo, spiega Filippo Collana, comandante della stazione carabinieri di Colorno (Parma), “è stato tuttavia solo l’ultimo atto di una lunga serie di vessazioni”.

La ragazza era controllata su tutto, dall’abbigliamento alle frequentazioni, con tanto di pesanti punizioni corporali in caso di sgarri. “All’arrivo della maggiore età la notizia dal padre di doversi sposare con un uomo che non conosce e lei ha deciso di rivolgersi a noi”, conclude il comandante Collana.