Genova, parroco scrive al sindaco: “Rom aggressivi, difendiamoci”

Pubblicato il 29 maggio 2010 15:09 | Ultimo aggiornamento: 29 maggio 2010 15:11

rom_zingariIl parroco di Cornigliano, esasperato dai furti degli zingari nel quartiere del ponente genovese, scrive a sindaco, questore e carabinieri: «Stiano lontano dalla mia gente, soprattutto dagli anziani e dai bambini. Fino a quando non impareranno quel valore che non conosce confini di nazionalità, religione e tempo: il rispetto per la persona».

«Questi fratelli zingari, che fino a poco tempo fa hanno sempre trovato la porta aperta e un aiuto – scrive Don Porcile – andrò io a trovarli dove vivono per portar loro l’aiuto di cui hanno bisogno. Personalmente non mi stancherò di gettare ponti tra loro e chi, a torto o a ragione, li sente così diversi».

A spingere il parroco a chiedere un intervento per la sicurezza del quartiere e delle persone che frequentano la parrocchia, soprattutto gli anziani, sono stati i «ripetuti fatti, accaduti nelle scorse settimane, di aggressività e prepotente violenza di alcuni zingari maggiorenni e minorenni».

«Ho sempre aiutato tutti e continuerò a farlo, senza distinzione di nazionalità, religione e condizione sociale», scrive il sacerdote che afferma di essere stato costretto a cambiare atteggiamento a causa del proporsi sempre più aggressivo e intimidatorio degli zingari: «rapine effettuate da minorenni, aggressività nei confronti di anziani, atteggiamenti di sfida che hanno sfiorato l’aggressione fisica al sottoscritto».

«Finché sono entrati per chiedere aiuto – scrive Don Porcile -, hanno sempre trovato la porta e il cuore aperti. Se entrano per servirsi da soli, cerchiamo di ‘difenderci’ come possibile. Ora sono anche aggressivi, e questo è insostenibile ed inaccettabile».