Partinico, senegalese picchiato al grido di “sporco negro”. Fermato uno degli aggressori

di redazione Blitz
Pubblicato il 29 luglio 2018 15:29 | Ultimo aggiornamento: 29 luglio 2018 20:42
Il ragazzo senegalese aggredito a Partinico

Il ragazzo senegalese aggredito a Partinico (foto Facebook/Ansa)

PALERMO –  I carabinieri della compagnia di Partinico hanno rintracciato e portato in caserma uno degli aggressori del senegalese di 19 anni [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] picchiato e insultato, tre giorni fa, mentre serviva ai tavoli in un bar a Partinico in provincia di Parermo. L’aggressione gli ha provocato ferite al labbro e alle orecchie guaribili in sette giorni.

Il migrante che si trova in una comunità nel comune in provincia di Palermo, era stato aggredito da un gruppo di giovani. “Vattene nel tuo paese, sporco negro”, gli hanno urlato come ha riferito la vittima ai militari. Dopo le indagini i carabinieri sono risaliti a uno dei giovani che ha preso parte al pestaggio lo hanno fermato e lo stanno interrogando.

“Non ho reagito perché non alzo le mani – ha raccontato il senegalese – Mi potevo difendere, ma gli educatori della comunità (dove è ospite da due anni, ndr) mi hanno insegnato che non si alzano le mani”.

E sull’aumento delle aggressioni nei confronti degli immigrati, Salvini ha espresso la sua opinione, accusando la sinistra di aver inventato l’allarme razzismo: “L’allarme ‘razzismo’ è una invenzione della sinistra, gli italiani sono persone perbene ma la loro pazienza è quasi finita. Io, da ministro, lavoro da 58 giorni per riportare sicurezza e serenità nelle nostre città”.