Pasqua e Pasquetta in zona rossa, regole, restrizioni, cosa si può fare: spostamenti, seconde case, visite, sport

di Alberto Francavilla
Pubblicato il 24 Marzo 2021 8:34 | Ultimo aggiornamento: 24 Marzo 2021 8:34

Pasqua e Pasquetta in zona rossa, regole, restrizioni, cosa si può fare: spostamenti, seconde case, visite, sport

Pasqua e Pasquetta in zona rossa. Per tutte le regioni, indipendentemente dal colore. Con regole e restrizioni comuni (a parte qualche ordinanza regionale più stringente) su spostamenti, seconde case, sport, visite a casa. Il Dpcm valido fino al 6 aprile ha stabilito che 3 aprile, 4 aprile (Pasqua) e 5 aprile (Pasquetta) sarà zona rossa in tutta Italia. Per evitare pericolose transumanze da un luogo all’altro col virus al seguito. 

Eppure, ci sono delle eccezioni. Almeno rispetto al lockdown dell’anno scorso, ma anche rispetto a Natale. Ci sarà maggiore libertà di spostamento all’interno della regione e si potrà andare nelle seconde case fuori regione. A meno che le Regioni non abbiano deliberato diversamente. Andiamo a vedere le misure nel dettaglio, così come sono state spiegate sul sito del governo con le Faq al decreto.

La costante è che anche a Pasqua e Pasquetta per spostarsi servirà un’autocertificazione.

Pasqua e Pasquetta in zona rossa: spostamenti, visite, viaggi in auto, assistenza parenti e amici non autosufficienti

Nei giorni 3, 4, 5 aprile si potrà effettuare una visita al giorno all’interno della regione. Possono muoversi non più di due adulti insieme (con minori di 14 anni o disabili o non autosufficienti conviventi) tra le ore 5 e le 22. Questo vuol dire per esempio che si potrà fare il pranzo di Pasqua o di Pasquetta con parenti o amici. Purché non si superi il numero di due nuclei familiari. 

È consentito accompagnare una persona che debba effettuare uno spostamento giustificato dai motivi previsti dal decreto ma che non abbia la possibilità di condurre un mezzo privato. Quindi, si può accompagnare un parente non autosufficiente per una visita o per motivi lavorativi.

È inoltre possibile spostarsi per assistere parenti o amici non autosufficienti. Purché si tratti di condizione di necessità. Lo spostamento per dare assistenza a persone non autosufficienti è consentito anche tra Comuni/Regioni/Province autonome in aree diverse.

Pasqua e Pasquetta in zona rossa: seconde case

Per quanto riguarda le seconde case, le Faq del governo spiegano che ci si può andare in qualsiasi fascia di colore si trovino. Può andare soltanto il nucleo familiare e solo se la casa non è abitata da altri. Inoltre bisogna dimostrare di essere proprietari o affittuari da una data antecedente il 14 gennaio 2021. Il rientro in queste case è consentito che si trovino dentro o fuori regione.

Ma, come detto, alcune regioni hanno deciso di adottare misure più stringenti. Sardegna e Valle d’Aosta, per esempio, hanno imposto lo stop agli ingressi verso le seconde case ai non residenti. In Toscana seconde case vietate fino all’11 aprile per chi arriva da fuori regione, a meno che non si abbia la residenza proprio in Toscana. In Campania, invece, sono stati vietati gli spostamenti dal Comune di residenza, domicilio o dimora abituale verso le seconde case in ambito regionale.

Pasqua e Pasquetta in zona rossa: ricongiungimenti coniugi e fidanzati, genitori divorziati e separati

Nei tre giorni di Pasqua sono permessi i ricongiungimenti tra coniugi o partner. Anche se vive in una città o in una regione diversa per esigenze di lavoro o per altri motivi. Questo purché il luogo scelto per il ricongiungimento coincida con quello in cui si ha la residenza, il domicilio o l’abitazione.

È possibile spostarsi per un genitore separato o divorziato per raggiungere i figli minorenni presso l’altro genitore o comunque presso l’affidatario, oppure per condurli presso di sé, anche tra Regioni e tra aree di rischio differenti.

Pasqua e Pasquetta in zona rossa: chiesa, luoghi di culto, sport

Ci si può spostare per andare in chiesa o negli altri luoghi di culto scegliendo sempre il più vicino a casa. Si può svolgere l’attività sportiva esclusivamente nell’ambito del territorio del proprio Comune, dalle 5 alle 22, in forma individuale e all’aperto, mantenendo la distanza interpersonale di due metri.

Autocertificazione Pasqua e Pasquetta in zona rossa: modulo PDF del Viminale da scaricare

Autocertificazione Pasqua e Pasquetta in zona rossa: modulo PDF del Viminale da scaricare.

Pasqua e Pasquetta in zona rossa: le perdite per bar, ristoranti, agriturismi, pizzerie

Le restrizioni, secondo quanto stimato dalla Coldiretti, si traducono in una perdita da 3,2 miliardi per bar, ristoranti, agriturismi e pizzerie che perderanno ancora una volta due settimane considerate ad alto guadagno, quelle cioè a cavallo delle festività pasquali. Secondo l’associazione, infatti, sono 7 milioni gli italiani che tradizionalmente consumano il pranzo fuori casa a Pasqua per una spesa pari a 400 milioni.

Mentre il 32% dovrà rivedere i propri programmi nel lungo weekend di Pasquetta dedicato tradizionalmente alle gite fuori porta, alle visite a parenti e amici e alle vacanze. Duramente colpiti anche gli oltre 24 mila agriturismi che hanno già subito perdite di 1,2 miliardi di euro.