Pasqualina Sica uccisa a martellate: fermato il vicino Tommaso Sanzio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 febbraio 2015 19:46 | Ultimo aggiornamento: 23 febbraio 2015 19:51
Pasqualina Sica uccisa a martellate: fermato il vicino Tommaso Sanzio

Pasqualina Sica uccisa a martellate: fermato il vicino Tommaso Sanzio

CASERTA – Al culmine di una lite per futili motivi un uomo di 51 anni ha ucciso a martellate una donna di 59 anni che abitava nello suo condominio: è successo a Capodrise, in provincia di Caserta. La vittima è una professoressa delle scuole superiori: si chiamava Pasqualina Sica.

L’uomo che l’ha uccisa, Tommaso Sanzio, di 51 anni, è stato fermato con l’accusa di omicidio dagli agenti del commissariato di Marcianise (Caserta). Secondo la ricostruzione degli inquirenti Sanzio avrebbe aspettato che la vicina tornasse da scuola per accanirsi contro di lei, e con un martello da carpentiere l’avrebbe colpita ripetutamente alla schiena e alla testa uccidendola. Dopo il delitto, prima di fuggire, avrebbe adagiato l’arma sul torace della donna.

L’uomo, è emerso, si sarebbe vendicato per vecchi rancori dovuti a cattivi rapporti di vicinato. La polizia ha accertato che tra Sanzio e la vittima i rapporti erano sempre stati conflittuali e che circa cinque anni fa i due erano arrivati a querelarsi vicendevolmente. L’omicidio è avvenuto dopo che la donna è tornata dall’istituto tecnico commerciale di Marcianise dove insegnava; la Sica era nubile e viveva con la madre ultra 80enne in un appartamento al primo piano di via Rao a Capodrise, una di quelle abitazioni tipiche della zona, con un cortile interno.