Patrick Ceccomarini si getta dalla finestra e muore a 23 anni: aveva mentito sulla tesi di laurea

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 novembre 2018 11:27 | Ultimo aggiornamento: 14 novembre 2018 11:37
Patrick Ceccomarini suicida: aveva mentito sulla laurea

Patrick Ceccomarini si getta dalla finestra e muore a 23 anni: aveva mentito sulla tesi da discutere

PESARO – La famiglia lo aspettava per andare all’università nel giorno in cui doveva discutere la tesi di laurea. Patrick Ceccomarini, 23 anni, si è gettato dalla finestra della sua casa ed è morto sul colpo. Un gesto volontario per i carabinieri, che hanno trovato diversi biglietti e un video d’addio per i suoi familiari in cui spiegava la vergogna per aver mentito sull’imminente laurea

Il dramma si è consumato nel paese di  Colli al Metauro, in provincia di Pesaro-Urbino, martedì 13 novembre. Patrick era atteso da parenti e amici per partire alla volta dell’università dove avrebbe dovuto discutere la sua tesi di laurea. Poi il salto nel vuoto dalla finestra della casa dove viveva con i genitori. Un volo di diversi metri che gli è stato fatale. All’arrivo del 118, per Patrick non c’era più nulla da fare: è deceduto nell’impatto col suolo.

Un gesto che trova spiegazione per i carabinieri nei biglietti d’addio trovati nella stanza del giovane studente universitario e nel video lasciato alla famiglia. Ad attendere Patrick all’università non ci sarebbe stato nessun relatore, non c’era nessuna tesi: il giovane aveva mentito sulla sua carriera di studente. A spingerlo a togliersi la via dunque proprio la vergogna ne paesino di Colli al Metauro, dove Patrick era molto conosciuto. “Un ragazzo dolcissimo e speciale”, o ancora “Un bravissimo ragazzo e molto educato”, scrivono i suoi concittadini per salutarlo. Un bravo ragazzo schiacciato dal peso di quella bugia sull’università, detta per non deludere i suoi genitori.