Patrizia D’Addario assolta: non minacciò le figlie dell’ex amante

di redazione Blitz
Pubblicato il 18 Ottobre 2013 15:57 | Ultimo aggiornamento: 18 Ottobre 2013 15:58
Procura di Bari, udienza preliminare del processo per il 'caso escort'

Patrizia D’Addario

BARI – Patrizia D’Addario è stata assolta con formula piena dai reati di minacce, ingiurie e lesioni nei confronti delle figlie dell’ex amante. Sciogliendo la riserva sulla richiesta di condanna a 80 giorni di reclusione avanzata dalla Procura, il giudice ha assolto la escort barese.

Non luogo a procedere, invece, per le molestie telefoniche ai danni delle due ragazze, per intervenuta prescrizione. La donna era accusata di aver tentato di investire la più piccola delle due ragazze, all’epoca dei fatti minorenne, e di aver ripetutamente offeso e minacciato entrambe le ragazze, in una guerra di querele nata all’indomani delle vicende in cui la escort barese è stata coinvolta in qualità di testimone dello scandalo legato alla feste organizzate nelle residenze dell’allora presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. D’Addario è tuttora imputata per altre presunte molestie telefoniche ai danni dell’ex amante e di sua moglie. Il procedimento, fino ad ora trattato parallelamente all’altro, costituisce un fascicolo autonomo, che sarà discusso nell’udienza del prossimo 31 ottobre.