Patrizia D’Addario: “Nella Bari corrotta sono la più pulita”

Pubblicato il 24 Marzo 2012 12:03 | Ultimo aggiornamento: 24 Marzo 2012 12:11

Patrizia D'Addario (Lapresse)

BARI- Dopo lo scandalo delle cozze pelose per il sindaco di Bari, Michele Emiliano, Patrizia D’Addario, detta “Brummel”, si sfoga con il Fattoquotidiano e dice di “essere la più pulita” nella Bari “corrotta”.

Nota per lo scandalo escort legato all’ex premier Silvio Berlusconi, per le presunte notti di sesso con il Cavaliere, adesso dice: “E’ questa la gente che si è permessa di giudicarmi: sono stata distrutta dai loro giudizi, dai loro commenti, dal fango che mi hanno riservato in questi anni. Però il diritto a costruire quel residenze, io, l’ho cercato attraverso la legge. E mi è stato negato. Soprattutto dopo la mia storia con Silvio Berlusconi”.

Riferendosi ai Degennaro, dice: “A Bari vivono persone che, grazie al loro potere economico, hanno conquistato qualcosa che, legalmente, non avrebbero mai ottenuto. E gli arresti di questi giorni, come se non bastasse, rallentano la mia procedura. Ne approfitto per dirlo chiaramente se non mi ridanno quello che mi spetta, mi toglierò la vita”.

Poi continua e si mostra molto giù: “Sono distrutta: non ho più una famiglia, mia figlia è in collegio da un anno e mezzo, non ho affetti, non ho soldi. Mi è stato tolto tutto. I permessi per costruire io già ce li avevo, ma continuo a ad aspettare, mentre questi signori facevano tutto quello che volevano”.

Si toglie qualche sassolino dalla scarpa e attacca ancora:  “Io per che cosa sono stata linciata? Per una storia con il presidente dalla quale non ho preso nulla? Gli avevo solo parlato del mio progetto, del residence…Ci stavo insieme..era una cosa che mi stava a cuore…e tutto questo, invece, mi ha distrutto la vita..e oggi se vi guardate attorno vi accorgete che il livello di corruzione in questa città è altissimo: io sono la più pulita”.