Pavia, due bambini ricoverati per varicella. Non erano stati ancora vaccinati

di redazione Blitz
Pubblicato il 12 aprile 2018 8:46 | Ultimo aggiornamento: 12 aprile 2018 8:46
Due bambini ricoverati per varicella a Pavia

Pavia, due bambini ricoverati per varicella. Non erano stati ancora vaccinati

PAVIA –  Due bambini, uno di quattro mesi e l’altro di cinque anni, sono stati ricoverati all’ospedale di Voghera (Pavia) per complicazioni derivanti dalla varicella: nessuno dei due era stato sottoposta alla vaccinazione preventiva obbligatoria dal 2017.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

La notizia è riportata da La Provincia pavese, che spiega che i due bambini non sono in pericolo di vita né in prognosi riservata, ma sono tenuti sotto stretta osservazione medica. “Il paziente di cinque anni presenta una paralisi del nervo facciale – ha raccontato al quotidiano il dottor Albero Chiara, responsabile dei reparti di pediatria degli ospedali di Voghera e Vigevano – quello di quattro mesi ha sonnolenza e basso livello di reattività. La terapia è basata sul ricorso a farmaci antivirali”.

Il virus della varicella è uno dei più contagiosi, anche se la malattia provoca normalmente solo eruzioni cutanee diffuse concentrate soprattutto nella parte superiore del corpo. Nell’adulto, la forma è più aggressiva e più elevati i rischi di complicanze. Il dottor Chiara sottolinea che però, se la varicella non viene trattata, può portare ad un esito letale, anche se la casistica in tal senso è estremamente ridotta”. Il ricorso alla vaccinazione, in ogni caso, non evita il contagio, ma riduce i pericoli di complicazioni.

Attualmente in Italia, gli ultimi dati riferiti ai bambini nati nel 2014 mostrano una copertura vaccinale di 46 bambini su 100 abitanti. A livello europeo invece gli ultimi dati disponibili sono del 2010, e documentano complessivamente 592.681 casi di varicella in 18 Paesi, di cui il maggior numero in Polonia (31%), Spagna (27%) e Repubblica Ceca (8%). I più colpiti sono stati i bambini non vaccinati sotto i 10 anni (79%).