Pavia, droni e cani cercano la Lara Argento, scomparsa a dicembre. Indagato il compagno

di redazione Blitz
Pubblicato il 12 Febbraio 2020 13:30 | Ultimo aggiornamento: 12 Febbraio 2020 13:30
Pavia, droni e cani cercano la esc*** Lara Argento, scomparsa a dicembre. Indagato il compagno

Pavia, droni e cani cercano Lara Argento, scomparsa a dicembre (Foto Facebook)

PAVIA  –  Carabinieri, vigili del fuoco, Protezione civile, Croce rossa, unità cinofile, elicottero e droni si sono mobilitati la mattina di mercoledì 12 febbraio per cercare Lara Argento, tra** brasiliana di 38 anni scomparsa lo scorso 21 dicembre, nella zona del Canarazzo, alle porte di Pavia, sulle rive del Ticino, là dove la donna lasciò le sue ultime tracce con il cellulare, che non è mai stato trovato.  

Gli investigatori stanno passando al setaccio i campi in riva al fiume ma anche il tratto del Ticino nei pressi del Canarazzo. Per le ricerche viene utilizzato anche un elicottero, oltre ad alcuni cani addestrati: la speranza è di riuscire a recuperare qualche oggetto personale di Lara, al secolo Leandro Bercelos Dos Santos. 

A denunciarne la scomparsa era stato nelle scorse settimane il suo compagno, un pizzaiolo di Pavia di 38 anni, che però denunciò solo nove giorni dopo perché costretto a casa dall’influenza, informa il Giorno. L’uomo risulta indagato dagli inquirenti con l’ipotesi di sequestro di persona.  

I carabinieri del Ris di Parma hanno effettuato un sopralluogo nella casa, un appartamento in un condominio di edilizia popolare alla periferia della città. Sono state trovate alcune tracce di sangue che ora verranno esaminate e che potrebbero far pensare a una lite avvenuta all’interno dell’appartamento. 

Il pizzaiolo ha raccontato agli investigatori che la sera in cui sparì la sua compagna, che non gli aveva mai nascosto la sua attività di esc***, avrebbe ricevuto una telefonata. Quindi, sempre secondo il racconto dell’uomo, sarebbe uscita per prendere le sigarette e per incontrare la persona che l’aveva chiamata.

La Procura ha iscritto il nome del pizzaiolo nel registro degli indagati come “atto dovuto per consentire gli accertamenti”. Si indaga comunque sui suoi rapporti con la compagna. Un rapporto che durava da tre anni e che, secondo la testimonianza di alcuni vicini, non sarebbe stato idilliaco. L’uomo ha però smentito di avere litigato con lei la sera in cui è sparita. (Fonte: Ansa, il Giorno)