Peppino Impastato, niente messa a Cinisi. Il parroco: “Tempi non maturi”

Pubblicato il 9 Maggio 2012 10:46 | Ultimo aggiornamento: 9 Maggio 2012 10:47

Peppino Impastato (foto Wikipedia)

CINISI (PALERMO) – La Chiesa siciliana si rifiuta di celebrare la messa in onore di Peppino Impastato, il ragazzo siciliano ucciso il 9 maggio del 1978 a Cinisi, in provincia di Palermo. Impastato è diventato un simbolo nella lotta alla mafia. Esponente di Democrazia Proletaria, fondò Radio Aut, sulla quale denunciava le “angherie” dei mafiosi del suo paese.

Della mancata messa ha parlato Laura Anello su La Stampa: “I tempi non sono maturi”, ha spiegato don Pietro D’Aleo, parroco della Ecce Homo a Giovanni Impastato, impegnato in prima fila nelle manifestazioni in ricordo del fratello.

A chi gli ha contestato la decisione, il parroco ha spiegato: “Non c’è alcuna polemica abbiamo ritenuto che in una veglia si potesse dare più spazio al ricordo, alle letture, alle riflessioni”.