Per evadere le tasse le opere arte diventano “beni usati”. Denunciato

Pubblicato il 5 Marzo 2012 15:51 | Ultimo aggiornamento: 5 Marzo 2012 15:58

TORINO – Per evadere Iva per 1,7 milioni di euro, opere d'arte provenienti da Francia e Germania diventavano ''beni usati'': lo ha scoperto l'Ufficio delle dogane di Cuneo, che ha denunciato il titolare della societa' di commercio. Le opere d'arte avrebbero dovuto sottostare al regime degli acquisti intracomunitari, al quale non sono sottoposti i ''beni usati''.

In altri accertamenti, fatti questa volta dall'Ufficio delle Dogane di Torino, sono stati scoperti due concessioanri di auto che – secondo l'Ufficio delle Dogane – hanno evaso quattro milioni di euro, sempre aggirando la normativa relativa all'Iva. Anche in questo caso, i due titolari sono stati denunciati.