Pesce scaduto nel 2010 a Bisceglie, baccalà trattato con calce a Catania: erano pronti per il cenone

di redazione Blitz
Pubblicato il 23 dicembre 2018 9:43 | Ultimo aggiornamento: 23 dicembre 2018 9:43
Pesce scaduto nel 2010 a Bisceglie, baccalà trattato con calce a Catania: blitz della Guardia costiera

Pesce scaduto nel 2010 a Bisceglie, baccalà trattato con calce a Catania: blitz della Guardia costiera (Foto archivio Ansa)

ROMA – C’era anche pesce scaduto addirittura nel 2010, spacchettato, rietichettato e pronto per essere venduto a ignari consumatori in vista delle festività di Natale o di Capodanno. La Guardia costiera l’ha intercettato e sequestrato in depositi di Bisceglie, in Puglia. In un altro caso era pesce scaduto nel 2013, scoperto in depositi siciliani, a Sciacca, Porto Empedocle, Palermo.

Sono due dei numerosi episodi di frode alimentare scoperti nel corso di una complessa operazione, nome in codice “Confine illegale”, condotta in tutta Italia dal Comando generale delle Capitanerie di porto-Guardia costiera, che complessivamente ha portato al sequestro di oltre 80 tonnellate di pesce, di 290 attrezzi da pesca, a 562 procedimenti di sequestro, 44 sanzioni penali, 702 sanzioni amministrative, alla chiusura di 5 esercizi commerciali e a sanzioni per 1,4 milioni di euro. A Catania sono state scoperte grandi quantità di baccalà trattato con calce idrata per dargli “nuova vita” e così invogliare il consumatore all’acquisto. 

Nell’intero 2018 sono state oltre 120mila le verifiche, sia in mare che lungo la filiera commerciale del pesce, da parte della Guardia costiera, con oltre 5.600 sanzioni tra amministrative e penali per un importo di circa 11,5 milioni di euro ed il sequestro di oltre 400 tonnellate di prodotto proveniente, per un terzo, da piattaforme logistiche e centri all’ingrosso che commerciano principalmente prodotto non nazionale.