Piacenza: il carabiniere aggredito dai manifestanti ha una spalla rotta

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 febbraio 2018 6:55 | Ultimo aggiornamento: 11 febbraio 2018 20:01
Piacenza: il carabiniere brigadiere aggredito dai manifestanti antagonisti ha una spalla rotta

Piacenza: il carabiniere aggredito dai manifestanti ha una spalla rotta (foto da video)

PIACENZA – Il brigadiere che a Piacenza, dopo una carica, è stato aggredito e accerchiato da un gruppo di manifestanti che stavano partecipando a un corteo organizzato contro l’apertura di una sede di Casapound in città, ha riportato una frattura scomposta a una spalla. Ieri sera è stato dimesso dall’ospedale di Piacenza con una prognosi di 30-40 giorni.

Feriti in maniera più lieve anche altri quattro colleghi. Colpito anche un giornalista che stava raccontando i fatti. Polizia e carabinieri di Piacenza stanno indagando per risalire all’identità dei manifestanti. Al momento non ci sono fermati, né indagati. “Le indagini – ha detto il Questore Pietro Ostuni – sono iniziate immediatamente e stiamo vagliando anche tutto il materiale video ripreso in quei momenti di tensione e violenza. Intendiamo arrivare non solo a chi materialmente ha commesso gli atti di violenza contro polizia e carabinieri, ma anche a chi li ha fomentati e incitati”.

Il carabiniere ferito, e l’Arma in generale, hanno raccolto una solidarietà trasversale, messaggi di vicinanza sono arrivati da parte di tutte le forze politiche. ço andranno a trovare, per esprimergli la loro vicinanza, il ministro dell’Interno Marco Minniti, insieme al comandante dell’Arma Giovanni Nistri e al capo della Polizia Franco Gabrielli. Il comandante dei carabinieri Nistri ha ricevuto una telefonata di solidarietà da parte del segretario del Pd Matteo Renzi, mentre sul fronte istituzionale, oltre al sindaco di Piacenza Patrizia Barbieri, si sono espressi anche il ministro della Difesa Roberta Pinotti, quello della giustizia Andrea Orlando e la presidente della Camera Laura Boldrini: “la violenza va condannata sempre e io sono sempre e comunque dalla parte di chi fa il proprio lavoro”.

La condanna dei fatti di Piacenza è arrivata anche da numerosi esponenti del centrodestra. Giorgia Meloni ha chiamato il brigadiere ferito per esprimergli incondizionata solidarietà “Quando arriveremo al governo – ha detto – la nostra priorità assoluta sarà restituire dignità ai nostri uomini e le nostre donne in divisa”. Anche il Movimento 5 Stelle si è detto vicino al militare dell’Arma ferito. “E’ inconcepibile – ha detto Alessandro Di Battista – l’episodio del carabiniere picchiato, vogliono fare gli antisistema e se la prendono coi Carabinieri, è indegno, prendetevela con i banchieri”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other