Piacenza: gemelline di tre mesi vivono in un’auto, aperta un’inchiesta

Pubblicato il 3 settembre 2012 15:22 | Ultimo aggiornamento: 3 settembre 2012 15:24

PIACENZA – Due gemelline di tre mesi sono state costrette a vivere in auto, in un passeggino singolo, a causa di una situazione familiare molto precaria e difficile. La vicenda è stata scoperta dalla sezione Minori della Questura di Piacenza che, insieme al servizio tutela minori dei servizi sociali del Comune emiliano, in poche ore hanno trovato una soluzione, collocando la mamma e le piccine, che godono di buona salute, in una struttura protetta. Il padre dovrà invece trovarsi una sistemazione. La Procura dei minori di Bologna ha aperto un’inchiesta.

Protagonista della vicenda una coppia di trentenni originari di Crotone, che da anni vivono girando l’Italia senza fissa dimora e senza occupazione, utilizzando le mense Caritas e vivendo in auto, una Fiat station wagon, o in alloggi di fortuna. A maggio la donna aveva dato alla luce le gemelline e da poco meno di due settimane la famigliola aveva raggiunto Piacenza.

La polizia, ricevuta una segnalazione che riferiva delle neonate costrette a vivere nell’abitacolo di una vettura, ha avviato le ricerche, in stretto raccordo con i servizi sociali; grazie anche alla collaborazione dei volontari della Ronda della Carità, la famiglia è stata rintracciata nella mensa dei frati cappuccini e seguita per qualche ora, poi mamma e bimbe sono state prese in carico dai servizi sociali.