Picchia bimbo rom che chiede elemosina: “Concorrenza sleale”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 Novembre 2015 5:15 | Ultimo aggiornamento: 8 Novembre 2015 18:51
Picchia bimbo rom che chiede elemosina: "Concorrenza sleale"

Picchia bimbo rom che chiede elemosina: “Concorrenza sleale”

LECCE – Il bimbo rom di 9 anni chiede l’elemosina fuori da un supermercato. Una scena che, tutti i giorni, capita di vedere nelle diverse città italiane. Ma il piccolo aveva preso il posto di un cittadino nigeriano di 35 anni, che lo ha accusato di “concorrenza sleale” e ha iniziato a picchiarlo con un bastone.

Tutto inizia all’esterno di un supermercato di Monteroni, in provincia di Lecce, l’8 novembre. Un bimbo rom di 9 anni e la zia si appostano all’esterno del negozio per chiedere l’elemosina, come gli altri giorni. Fuori dal negozio però il bimbo e la zia non erano soli: un uomo di 35 anni e di origine nigeriana infatti era già appostato per chiedere qualche spicciolo ai clienti del supermercato.

Una sovrapposizione che il nigeriano non ha apprezzato, vivendola come una “concorrenza sleale”, che è sfociata in una esplosione di rabbia. L’uomo ha preso il bastone e ha iniziato a picchiare il bambino, ma ad assistere alla scena c’era un agente della polizia fuori servizio che ha dato l’allarme.

Il nigeriano allora è stato fermato e denunciato dagli agenti per minacce gravi e percosse su minore.