Picchiava e sedava 90enne: badante ucraina condannata. Ma è tornata al suo Paese

di redazione Blitz
Pubblicato il 9 Luglio 2014 1:17 | Ultimo aggiornamento: 9 Luglio 2014 1:27
Picchiava e sedava 90enne: badante ucraina condannata

Picchiava e sedava 90enne: badante ucraina condannata

LODI – Picchiava e sedava l’anziana novantenne che le era stata affidata. Per questo, una badante ucraina di 62 anni è stata condannata a due anni e sei mesi di reclusione. A rivelare il ripetersi di vessazioni e di percosse tra le mura domestiche di un elegante appartamento nel centro di Lodi era stata una telecamera miniaturizzata che il figlio dell’anziana aveva nascosto in cucina, su consiglio di un amico poliziotto.

I lividi e le lesioni sempre più frequenti sul corpo della madre lo avevano insospettito. Oltre al racconto di alcuni testimoni secondo i quali, da un certo momento in poi, la novantenne appariva sempre assonnata e stanca. Circostanza dovuta alla somministrazione costante di un sedativo, in assenza di prescrizioni mediche, da parte della badante.

La donna, in servizio presso la casa della novantenne fino al 2012, dopo aver appreso dalla polizia di essere indagata per maltrattamenti e lesioni, era tornata nel suo Paese ed è stata processata in contumacia.