Piemonte: sanità si è persa centinaia di contagiati. Sistema cancellava mail dopo 24 ore

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 Aprile 2020 8:48 | Ultimo aggiornamento: 15 Aprile 2020 10:50
Piemonte: sanità si è persa centinaia di contagiati. Sistema cancellava mail dopo 24 ore

Piemonte, le Asl hanno perso centinaia di mail dei medici di famiglia (Ansa)

ROMA – Sanità piemontese travolta dall’espandersi del contagio, la situazione si sta rivelando altrettanto drammatica che in Lombardia. Sanità piemontese nell’occhio del ciclone anche per la gestione dell’emergenza. In questi giorni sono andate perse centinaia di mail inviate dai medici di famiglia alle Asl. In pratica sono andate perse decisive informazioni sui contagiati, persa la possibilità di tracciare il numero dei casi, le zone di diffusione e tanti altri dati cruciali per allestire il contenimento.

Piemonte 18mila contagi, 2mila morti

Il virus in Piemonte non rallenta che, con quasi 18mila contagi e 2mila morti, scala la triste classifica del coronavirus tra le regioni italiane. “Stiamo vivendo quello che Lombardia, Veneto ed Emilia hanno passato dieci giorni prima”, sostiene il governatore Alberto Cirio, che guarda al bicchiere mezzo pieno, il calo dei ricoveri in terapia intensiva. I sanitari continuano però a chiedere più tamponi, il Pd parla di “situazione fuori controllo”, i 5 Stelle scrivono a Conte per chiedere di commissariare la sanità regionale. E in serata spunta anche il mistero delle segnalazioni dei medici di famiglia di pazienti con sintomi riconducibili al coronavirus sparite nel nulla.

Sistema Asl cancellava diagnosi medici di famiglia

La Regione Piemonte ha chiesto all’Asl Città di Torino una relazione sulle comunicazioni dei medici di famiglia ai Servizi di igiene di pazienti con sintomi riconducibili al coronavirus, e relativa richiesta di test diagnostico, che sarebbero andate perse. Sembra che in automatico il sistema cancellasse le mail dopo 24 ore.

“Dalle prime informazioni sembrerebbe evidente che il problema sia stato causato da uno straordinario flusso di email. Se ci sono delle responsabilità, verranno accertate”, afferma l’assessore alla Sanità Luigi Icardi, che ha esteso la richiesta di chiarimento a tutte le Asl della Regione. 

M5S: commissariare la sanità piemontese

Valutare la possibilità di commissariare la sanità piemontese di fronte all’emergenza Coronavirus. E’ la proposta rivolta da Francesca Frediani, consigliere regionale M5S, al Presidente del Consiglio dei ministri e al ministro della Salute. “La gestione della crisi in Piemonte – afferma Frediani – non è all’altezza dell’importante momento di crisi che ci troviamo ad affrontare. I dati del contagio nella nostra regione continuano a peggiorare a differenza di altre realtà del nord Italia. Occorre intervenire subito”. (fonte Ansa)