Pierluigi Diaco, giornalista cade per una buca a Roma: “E’ ora di protestare”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 luglio 2018 12:56 | Ultimo aggiornamento: 13 luglio 2018 12:56
Pierluigi Diaco e le buche di Roma: per lui bisogna protestare

Pierluigi Diaco, giornalista cade per una buca a Roma: “E’ ora di protestare”

ROMA – Anche Pierluigi Diaco, giornalista e voce di Rtl, è rimasto vittima delle buche di Roma. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Diaco ha raccontato in una intervista di essere caduto dal suo scooter mentre andava a lavoro proprio per colpa di una buca non segnalata sul manto stradale. Anche se ha deciso di non denunciare il Comune di Roma, il giornalista ha sottolineato che è arrivato il momento di protestare e far sentire la propria voce.

Intervistato da Michele Galvani del Messaggero, Diaco ha raccontato che erano le 5,30 del mattino ed era uscito di casa per andare in radio quando in zona Celio ha visto due buche segnalate e le ha evitate. Di buche, però, ce ne erano altre e così è caduto, fortunatamente ferendosi solo a una gamba.

Per il giornalista i romani sembrano essere rassegnati: alberi che cadono, buche e voragini che si aprono e strade allagate per la mancata pulizia. Una situazione a cui il sindaco Virginia Raggi deve rispondere, anche parlando con il governo, perché quella delle buche e delle strade romane è una emergenza che la sua giunta sta sottovalutando per il giornalista.

Secondo Diaco la situazione strade a Roma rappresenta un fallimento per la Raggi e sottolinea che serve una grande rete che porti alla protesta. Una protesta che non è di tipo politico, ma che chieda a chi ora amministra la città di trovare una soluzione. Protesta che dovrebbe vedere riuniti associazioni di categoria, terzo settore, cittadini e rappresentanti delle scuole ma che fino ad ora non c’è mai stata.