Piombino Dese (Padova), signora getta i rifiuti dall’auto. Il sindaco glieli riporta a casa

di redazione Blitz
Pubblicato il 10 ottobre 2018 11:12 | Ultimo aggiornamento: 10 ottobre 2018 11:12
Piombino Dese (Padova), signora getta i rifiuti dall'auto. Il sindaco glieli riporta a casa

Piombino Dese (Padova), signora getta i rifiuti dall’auto. Il sindaco glieli riporta a casa

PIOMBINO DESE (PADOVA) – Stanco di vedere sempre sacchi di immondizia gettati dove non dovevano, e sempre nello stesso posto, il sindaco di Piombino Dese (Padova), Cesare Mason, ha piazzato una telecamera di sorveglianza in prossimità di quell’improvvisata discarica e così ha incastrato l’autore del lancio col sacchetto: una insospettabile signora di mezza età, madre di famiglia e di condizioni economiche buone. 

La signora, riferiscono i quotidiani locali, puntualmente di prima mattina si presentava in auto alla rotatoria, tirava giù il finestrino e senza nemmeno scomodarsi gettava il sacchetto con i rifiuti. E questo ha continuato a fare nonostante i numerosi appelli generici del sindaco ai suoi concittadini. Fino a che un giorno, dopo essere stata ripresa dalle telecamere, è stata l’oggetto di un messaggio personale dello stesso Mason su Facebook: “Le telecamere del Comune hanno filmato una nostra concittadina nell’atto di lanciare fuori dal finestrino della sua auto un sacchetto della spazzatura. Mi presenterò a casa di questa persona per restituirglielo”.

Così Mason si è davvero presentato a casa della signora e, insieme al suo sacchetto dell’immondizia, le ha consegnato anche una multa da 50 euro. La donna inizialmente ha tentato di negare, ma alla fine ha confessato tutto e ha promesso di non ricascarci. 

Non è mia intenzione criminalizzare nessuno, infatti non ho reso pubblico il nome della nostra concittadina multata. Nonostante ciò vorrei tanto che questo episodio fosse d’ esempio per quella minoranza di cittadini che continua a comportarsi in maniera irrispettosa. Vivere in un paese pulito credo sia un buon biglietto da visita per tutti”, ha spiegato il sindaco, che ha ricevuto plauso ma anche qualche critica da chi, nel paese, avrebbe preferito fare a meno di questa “sporca” notorietà.