Pipì dei cani, la crociata dei sindaci: padroni lavate la strada

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 aprile 2018 9:46 | Ultimo aggiornamento: 3 aprile 2018 9:46
Pipì dei cani, la crociata dei sindaci: padroni lavate la strada

Pipì dei cani, la crociata dei sindaci: padroni lavate la strada

ROMA – Dopo la pupù dei cani tocca alla pipì, non resterà cioè impunita la pratica, comune ma discutibile sul piano civico, di farli urinare per strada.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela.

Il Comune di Volterra si è messo all’avanguardia di quella che si annuncia come una piccola rivoluzione nelle città: i proprietari di cani dovranno portarsi dietro una bottiglietta d’acqua per pulire la pipì fatta dai loro animali in strada.

La delibera è pronta, all’inizio ci sarà una specie di periodo di prova, poi i trasgressori rischieranno una multa. “Si tratta — spiega al Corriere della Sera il sindaco Marco Buselli eletto con la lista civica «Per Volterra» — di un provvedimento a favore del decoro urbano. Spesso sarebbe sufficiente una buona dose di buon senso ma, purtroppo, non sempre è così ed allora occorre intervenire con misure adeguate”.

In realtà, altre iniziative analoghe sono cominciate a essere adottate. Per esempio Savona aveva stabilito sanzioni fino a 500 euro per chi faceva urinare i propri cani nel centro storico, sanzione adesso salvata dalla bottiglietta d’acqua: “se risultasse impossibile impedire la minzione, nonostante l’attenta condotta, al proprietario che provvederà a ridurre l’impatto della deiezione liquida”, niente multa.

Ma è chiaro che la dotazione minima per far fare i bisogni ai propri amici quadrupedi si dovrà arricchire: guinzaglio, sacchetto di plastica e bottiglietta d’acqua.

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other