Pitone reale spunta dal fondo del water. A Baveno, sul Lago Maggiore

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Agosto 2020 14:37 | Ultimo aggiornamento: 20 Agosto 2020 14:37
Pitone reale nel water a Baveno

Pitone reale (Ansa)

Sembra l’ennesima leggenda metropolitana, ma invece è accaduto davvero oggi a Baveno, sul Lago Maggiore, in una azienda del luogo.

Un dipendente è entrato in bagno, ma quando si è avvicinato al water ha visto spuntare la testa di un serpente, la femmina di un pitone reale.

Un metro di lunghezza. L’uomo, dopo essersi ripreso dallo choc, ha chiesto aiuto. Sul posto sono arrivati gli uomini della Polizia provinciale. La cattura del serpente non è stata semplice.

L’animale si era raggomitolato nel sifone e ci sono voluti diversi tentativi e molta pazienza per riuscire a prenderlo.

Una femmina di pitone reale lunga un metro

Si tratta di una femmina di pitone reale che qualcuno ha evidentemente gettato nelle fognature. Toccherà ai carabinieri forestali cercare di risalire al  proprietario.

“Al primo tentativo non siamo riusciti a prelevarlo, abbiamo dovuto smontare il water – spiega lal sito Prealpina.it l’agente Daniele Bendinelli, intervenuto con il veterinario Tommaso Calligarich -. Poi al secondo tentativo ci siamo riusciti: era raggomitolato nel sifone”.

Come la femmina di pitone sia arrivata fin lì resta un mistero. Che il proprietario se ne sia liberato gettandolo nelle fognature è criminale e assurdo ma anche plausibile.

Nel water, il serpente intrappolato in un habitat che non gli appartiene ha trovato una via di fuga, la salvezza. 

Certo che spavento per il malcapitato, non alzerà più una tavoletta senza non ripensarci: la testa di un pitone puntata ad altezza sconveniente fa capolino dal fondo del water..

Senza contare l’onere di dover denunciare, dopo essere scapato, la presenza di quell’alieno degno di una jungla: chi mi crederà?

Gli hanno creduto, succede più spesso di quanto si immagini. Del ritrovamento del serpente sono stati subito informati i Carabinieri Forestali, competenti per materia, poiché si tratta di un animale esotico. (fonti Ansa, Prealpina.it)