Pizzo (Vibo Valentia): sequestrato un villaggio turistico da 10 milioni di euro. Truffa con i contributi regionali

Pubblicato il 29 Novembre 2010 9:36 | Ultimo aggiornamento: 29 Novembre 2010 9:36

I finanzieri del Comando provinciale di Vibo Valentia stanno eseguendo il sequestro preventivo di un prestigioso complesso turistico situato a Pizzo, una delle più note località turistiche della Calabria, per un valore di 10 milioni di euro.

Il sequestro è stato disposto nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Vibo Valentia su presunte percezioni indebite di contributi regionali.

Sono sette le persone indagate per la truffa. Oltre al titolare della struttura, l’hotel Esperia, della società Piedigrotta, sono indagate sei persone che avrebbero fatto fatture false o gonfiate allo scopo di aumentare i costi e consentire di ottenere un finanziamento maggiore del dovuto.

Tra loro vi è anche il titolare di una società fatta sequestrare tempo fa dalla Dda di Catanzaro nell’ambito di un’inchiesta contro le cosche del vibonese ed attualmente agli arresti domiciliari per quella vicenda. Le accuse contestate ai sette, a vario titolo, sono di truffa aggravata per indebite erogazioni pubbliche e falso.