Acquaro (Vibo Valentia): scomparve 18 anni fa, 3 persone arrestate per omicidio

Pubblicato il 13 Aprile 2011 9:32 | Ultimo aggiornamento: 13 Aprile 2011 9:41

ACQUARO (VIBO VALENTIA) – Tre persone sono state arrestate dalla squadra mobile di Catanzaro con l’accusa di omicidio volontario aggravato dalle modalità mafiose ed occultamento di cadavere. L’omicidio contestato ai tre è quello di Placido Scaramuzzino, di 43 anni, un parrucchiere scomparso ad Acquaro (Vibo Valentia) il 28 settembre del 1993 ed il cui cadavere non è stato mai trovato.

Tra gli arrestati vi è Antonio Altamura, di 65 anni, ritenuto un elemento di spicco della cosca dell’Ariola, operativa nel comprensorio di Gerocarne (Vibo Valentia). L’uomo, tra l’altro, è stato arrestato nel luglio dello scorso anno nel corso dell’operazione Crimine coordinata dalla Dda di Reggio Calabria in collaborazione con quella di Milano, che portò all’arresto di oltre 300 persone.

Il delitto di Scaramuzzino, secondo gli investigatori, è da inquadrare nella contrapposizione che si era verificata all’epoca dei fatti tra famiglie mafiose che si contendevano il predominio delle attività illecite in alcuni comuni delle Serre Vibonesi.