La Polizia vuole un bonus per le divise. Siap: “Per indossarla e toglierla almeno 40 minuti. Vanno retribuiti”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 Luglio 2019 13:40 | Ultimo aggiornamento: 22 Luglio 2019 14:26
La Polizia vuole un bonus per le divise. Vestirsi richiede molte tempo che viene sottratto al lavoro effettivo

Un agente di Polizia (foto archivio ANSA)

ROMA – Gli agenti di Polizia italiani vogliono un bonus per le divise. Indossare e togliere la divisa “richiede almeno una quarantina di minuti, tempo sottratto al tempo di servizio” secondo gli agenti, che quindi chiedono un adeguamento della remunerazione”. Tanto che lo stesso Tar, scrive oggi Il Giornale, ha fissato per i primi giorni del 2020 una prima udienza sulla questione. 

Una vertenza avviata all’indomani di una sentenza della Cassazione, la 7396 del 2015, stabilisce che “il tempo impiegato dal lavoratore per indossare la divisa è da considerarsi lavoro effettivo e deve essere retribuito quando si tratta di operazione strettamente necessaria e obbligatoria per lo svolgimento dell’attività lavorativa”. Passati quattro anni però, agenti di polizia e carabinieri non hanno visto ancora un soldo in più in busta paga. “Vestire e togliersi la divisa da poliziotto è già un lavoro e allora è giusto retribuirlo visto che agenti in servizio sulle volanti o a contatto con il pubblico non possono fare a meno di indossarla. Come succede con il personale sanitario negli ospedali” commenta Roberto Traverso, segretario del sindacato Siap ligure che ha presentato ricorso al Tar per ottenere il bonus divisa. (fonte IL GIORNALE)