Polizia e militari, in arrivo aumenti da 90 a 105 euro e arretrati 2016-2017

di redazione Blitz
Pubblicato il 6 gennaio 2018 10:14 | Ultimo aggiornamento: 6 gennaio 2018 10:14
polizia-ansa-foto-aumenti-

Foto Ansa

ROMA – Dopo la scuola, enti locali e sanità, il governo prova a stringere anche sul rinnovo del contratto dei militari e delle Forze di polizia. Il ministero e la Ragioneria generale, date le risorse disponibili, hanno già effettuato i conteggi dei possibili aumenti in busta paga e stanno trattando con i sindacati. A spiegarlo è un articolo pubblicato oggi dal Messaggero.

Per i militari dell’esercito, l’aumento medio mensile lordo in busta paga sarà di 90 euro. Per la Marina si sale a 105 euro lordi mensili, mentre per l’aeronautica l’incremento dovrebbe essere di 98 euro lordi mensili.

Per la polizia, invece, l’aumento medio mensile sarà di 102 euro. Leggermente superiore per i carabinieri che dovrebbero invece, incassare circa 104 euro mensili in più. I dipendenti delle Capitanerie di porto, invece, riceveranno un aumento di 100 euro mensili, mentre per la polizia penitenziaria la cifra sarebbe leggermente più bassa: 97 euro.

Il rinnovo riguarda un numero elevato di lavoratori, più di 500 mila persone (300 mila dai corpi di polizia, 34 mila vigili del fuoco, 133 mila Forze Armate). Il governo avrebbe voluto chiudere l’accordo con i sindacati entro fine anno ma non c’è riuscito. L’obbiettivo è quindi ora di chiudere presto ed inserire gli aumenti entro febbraio.

Oltre agli aumenti, poliziotti, carabinieri e le altre forze dell’ordine, si troverebbero anche gli arretrati per il 2016 e per il 2017. Si tratta di cifre di una certa rilevanza. Per l’esercito, in media, si tratterebbe di circa 578 euro lordi. Per la marina la somma salirebbe a 669 euro, mentre sarebbe leggermente minore per l’aeronautica: 629 euro.

Per i carabinieri gli arretrati, in media, ammonterebbero a 668 euro lordi, mentre sarebbero poco inferiori per i poliziotti, 656 euro, e per la polizia penitenziaria, 625 euro. Per la Guardia di finanza la somma sarebbe di 674 euro che scenderebbe a 641 euro per le capitanerie di porto.