Pompei. Simone Langella, ricco rampollo faceva da esca a rapinatori di Rolex

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Marzo 2015 16:32 | Ultimo aggiornamento: 12 Marzo 2015 16:32
Pompei. Simone Langella, ricco rampollo faceva da esca a rapinatori di Rolex

Pompei. Simone Langella, ricco rampollo faceva da esca a rapinatori di Rolex

POMPEI  – Un insospettabile e giovane imprenditore invitava i suoi amici al bar e poi si presentava con una banda di rapinatori, che derubavano le malcapitate vittime dei loro Rolex. Questo il modus operandi della banda formata da Simone Langella, 36 anni, e i complici Tommaso Esposito, 27 anni, Vincenzo Esposito, 50 anni, e Pasquale Sicignano, di 46 anni, arrestati la mattina del 12 marzo a Pompei, in provincia di Napoli.

Susy Malafronte su Il Mattino scrive che la banda agiva sempre allo stesso modo, col rampollo di una famiglia facoltosa di Pompei che invitava le ignare vittime al bar e faceva da esca:

“Le indagini, dirette dal vicequestore aggiunto Maria Rosaria Romano, sono scattate lo scorso febbraio a seguito di rapina avvenuta in via Aldo Moro, periferia a sud della città, ad opera di due uomini con volto coperto, uno dei quali anche armato di pistola, ai danni di due persone. Nella circostanza i rapinatori si sono impossessati di telefoni cellulari, denaro contante e di orologi di ingente valore, marchio Rolex, completi di certificati di garanzia.

Gli agenti di polizia, nel corso dell’attività investigativa, hanno accertato che due degli indagati – Simone Langella e Pasquale Sicignano – avevano organizzato una “trappola” per attirare le vittime, che venivano rapinate con modalità cruenti dai complici, per poi dileguarsi nel nulla. Il giorno successivo al colpo la merce rubata veniva già piazzata sul mercato attraverso la vendita a privati intenditori e a rivenditori del settore. La tempestività degli accertamenti svolti dagli investigatori, nell’immediatezza dei fatti, ha consentito di rinvenire parte della refurtiva che era stata già immessa sul mercato, non solo locale. I Rolex rubati, per valore stimato di 17mila e 200 euro, sono stati recuperati a Roma, Torre del Greco e Napoli”.