Ponte Morandi, architetto Saggio: “Carroponte possibile causa del crollo”

di redazione Blitz
Pubblicato il 20 agosto 2018 10:55 | Ultimo aggiornamento: 20 agosto 2018 10:55
Ponte Morandi, architetto Saggio: "Carroponte possibile causa del crollo"

Ponte Morandi, architetto Saggio: “Carroponte possibile causa del crollo” (foto Ansa)

GENOVA  – A provocare il crollo del ponte Morandi a Genova potrebbe essere stato “il carroponte, struttura che ha un peso nell’ordine di alcune tonnellate, montato per i lavori che erano già in corso da aprile sulla soletta del ponte”: [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] a dirlo è Antonino Saggio, architetto e urbanista che insegna Progettazione Architettonica e Urbana all’università La Sapienza di Roma.

“I lavori in corso – ha detto interpellato dall’Ansa – in edilizia possono diventare una concausa, se non una causa di un crollo, quando si ha a che fare con un corpo già ‘malato’, come in questo caso. Mi chiedo se una delle cause della tragedia di Genova possa essere stato il peso di molte tonnellate del carroponte in acciaio sulla struttura. E mi chiedo anche come mai nelle varie concause segnalate dalla commissione non venga citata la presenza del carro ponte e di importanti lavori in atto al momento del crollo”.

Secondo Roberto Ferrazza, presidente della commissione ispettiva del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, sarebbero “varie concause” ad aver contribuito al crollo del viadotto genovese. “Il ponte”, ha spiegato Ferrazza al termine di un sopralluogo sulle macerie, “non è venuto giù così come stava, ma si è piegato ed è caduto”. La dinamica del cedimento non rende dunque “del tutto chiaro” quale sia l’elemento che si è rotto per primo innescando la tragedia.