Ponte Morandi, i fidanzati Stella Boccia e Carlos Trujillo tra le vittime. Per loro messa dedicata al santuario delle Vertighe

di redazione Blitz
Pubblicato il 15 agosto 2018 19:24 | Ultimo aggiornamento: 15 agosto 2018 19:24
Ponte Morandi, i fidanzati Stella Boccia e Carlos Trujillo tra le vittime. Per loro messa dedicata al santuario delle Vertighe

Ponte Morandi, i fidanzati Stella Boccia e Carlos Trujillo tra le vittime. Per loro messa dedicata al santuario delle Vertighe (Foto da Facebook)

MONTE SAN SAVINO (AREZZO) – E’ stata dedicata a Stella Boccia, 24 anni, e Carlos Jesus Trujillo, 27 anni, i fidanzati di Arezzo morti nel crollo del ponte Morandi a Genova, [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] la messa solenne di Ferragosto al Santuario delle Vertighe di Monte San Savino (Arezzo) dove la funzione celebra l’omonima Madonna delle Vertighe, patrona dell‘Autostrada del Sole.

La celebrazione è dedicata a Stella i cui genitori hanno un ristorante proprio a Monte San Savino, e a Carlos che era insieme a lei nell‘auto precipitata nel crollo. Il santuario, dove si recano abitualmente fedeli e turisti, si stringerà intorno alla famiglia, adesso a Genova. Intanto i Comuni di Monte San Savino, Capolona (dove risiedeva Carlos) e Civitella Valdichiana (dove abitava Stella) si sono strette intorno alle famiglie dando la disponibilità a sostenerle per ogni necessità.

Dolore e dispiacere emergono sulla pagina social del ristorante di Monte San Savino (Arezzo) gestito dai genitori di Stella Boccia e sulla pagina Facebook della giovane vittima. Tra i messaggi di cordoglio quello del sindaco Margherita Scarpellini, che fa le condoglianze a nome dell’intera comunità, e quelli dei turisti ospiti nel locale della famiglia dove hanno conosciuto Stella e i genitori.

Da Casale Marittimo (Pisa) arriva il messaggio di Andrea “Non ci sono parole, spero solo che il senso del più vivo cordoglio per la tragedia che ha colpito la vostra famiglia giunga fino a voi”. Post anche dall’estero. Dall’Olanda Peter van der Kommer allega una foto del giornale e scrive: “Anche nel giornale più grande qui, ‘Telegraaf’ se ne parla. I pensieri di tutti gli olandesi sono con le vittime”. Dello stesso tenore i messaggi sulle bacheche dei due ragazzi con un accenno alla giovane: “Stella continuerai a brillare nel cielo e ad illuminare con la tua luce chi ti vuole bene”, scrive Maria Cristina.